Home » Archivio categorie » Notizie » Giro d'Italia » In Giro con l’Avvocato

Il Giro visto dall’Avvocato

Il Giro visto dall’Avvocato

  Carmine Castellano, l’Avvocato del Giro, per molti anni organizzatore della prova de La Gazzetta dello Sport, ha accompagnato l’edizione appena conclusa con 23 “pillole” e aneddoti riguardanti il passato (dal 1909 al 1947), tratte dalla Guida storica e statistica del Giro d’Italia, a sua cura, che Rcs Sport ha appena dato alle stampe. Ora, [...]

1947 La Rai entra in gioco

1947 La Rai entra in gioco

Fatto nuovo fu la partecipazione massiccia della Rai che si inventò, accanto alle cronache sportive, anche una simpatica trasmissione serale intitolata “Il girino innamorato”. Dopo il via da Milano, con starter d’eccezione Luigi Ganna, si entrò nel vivo della competizione con l’atteso duello tra Coppi e Bartali, con un inizio favorevole al toscano che da [...]

1946 La vecchia Balilla di Torriani

1946 La vecchia Balilla di Torriani

Dopo aver ripreso le pubblicazioni il 2 luglio 1945 la Gazzetta dello Sport il 15 gennaio 1946 annunciò che anche il Giro d’Italia avrebbe ripreso il suo cammino. Armando Cougnet ricostituì lo staff dell’organizzazione e si fece affiancare da un giovane di Novate Milanese, Vincenzo Torriani, che a bordo di una vecchia Balilla, residuato di [...]

1940 Coppi fa il vuoto sull’Appennino

1940 Coppi fa il vuoto sull’Appennino

Valetti fu inferiore all’attesa e Bartali fu sfortunato nella tappa di Genova, dove rimase attardato. Ma nella tappa di Modena con i passi dell’Appennino tosco-emiliano un giovane appena ventenne, Fausto Coppi, compì un’impresa che colpì tutti, anche il suo capitano Bartali, al quale non restò altro da fare che coprirlo e difenderlo sulle salite finali. [...]

1939 Bartali teme il complotto

1939 Bartali teme il complotto

Bartali combattivo come al solito e qualche volta bersagliato dalla sfortuna, polemizzò aspramente, convinto che contro di lui tutti gli altri si fossero coalizzati. In verità Valetti dimostrò tutto il suo valore di passista e anche di tenace attaccante. Dopo aver vinto la cronometro del Terminillo, divenuta ormai una classica, perse in malo modo la [...]

1938 Una Maglia Rosa autarchica

1938 Una Maglia Rosa autarchica

Per la prima volta il Giro fissò un arrivo fuori dai confini, a Locarno, dove i ticinesi ebbero anche la soddisfazione di applaudire vincitore il loro connazionale: Leo Amberg. La politica di autarchia del Governo Italiano si fece sentire anche al Giro. La Maglia Rosa veniva confezionata con tessuto “Lanasel”, prodotto autarchico di rayon eviscosa [...]

1937 Prima volta sui Passi Dolomitici

1937 Prima volta sui Passi Dolomitici

Anche alcuni individuali furono “aggruppati” e fu data loro l’assistenza di una vera squadra: scopo dell’operazione fu avere un buon numero di corridori che, liberi dal problema di organizzarsi anche la trasferta, potessero dedicarsi di più alla corsa per renderla più vivace. Il risultato però non fu completamente raggiunto, anche se proprio la prima Maglia [...]

1936 Salomonica doppia Maglia Rosa

1936 Salomonica doppia Maglia Rosa

Conferma del giovane Bartali come dominatore assoluto, che a L’Aquila impose ancora la sua supremazia in salita, conquistando definitamente la Maglia Rosa e accendendo l’entusiasmo dei tifosi, affascinati dallo spirito del campione, combattivo in corsa e polemico in ogni frangente Non fu da meno Gepin Olmo, fresco recordman dell’ora, vincitore di dieci tappe, secondo in [...]

1935 Al Giro nascono le semitappe

1935 Al Giro nascono le semitappe

Modifiche sostanziali furono apportate al regolamento di corsa del Giro 1935: innanzitutto furono aboliti gli abbuoni agli arrivi di tappa, quindi il vincitore sarebbe stato chi effettivamente impiegava il minor tempo. Le squadre furono obbligate a presentarsi con un numero di componenti uguale per tutte (otto), furono infine per la prima volta programmate le semitappe. [...]

1933 Grandi novità tecniche

1933 Grandi novità tecniche

Importanti novità tecniche caratterizzarono questo Giro: si disputò la prima tappa a cronometro individuale (la Bologna-Firenze) e si creò la challenge del Gran Premio della Montagna con l’assegnazione di punteggi al passaggio sul culmine di alcune salite e compilazione di una classifica in base alla somma dei punti conquistati da ciascun corridore. Una Maglia Bianca [...]

Pagina 1 di 3123