Mediaticamente – Canottaggio, fuori tempo (minimo)

Dalla boxe seguendo l’ordine alfabetico ci spostiamo a cercare notizie relative al canottaggio. Qualche lettore potrebbe pensare che siamo un po’ maliziosi cercando nei media notizie relative a discipline non proprio stagionali, nello specifico caso si precisa che domenica 20 gennaio sono iniziati i campionati indoor a Catania che si chiudono domenica 27 e vedono impegnati i migliori atleti italiani.

Aggiungiamo che i club di canottaggio sono fra i più importanti e antichi nella storia sportiva nazionale. Ricordiamo che la Canottieri Milano è nata nel 1890 e la Canottieri Napoli sforna campioni in ogni disciplina oltre ad essersi aggiudicata sei titoli Europei con i remi.

Con queste premesse ci auguravamo in un riscontro positivo sulle testate sportive. Niente di tutto questo.

L’edizione di martedì 15 del giornale piemontese pubblica un totale di 19 pagine. L’intera prima pagina ad esclusione di un piedino ( per il Basket biellese in crisi ) viene dedicato al calcio.

Dopo aver sfogliato 15 pagine di calcio si aprono notizie e commenti per gli altri sport, nessuna traccia del canottaggio .

Il Corriere apre a tutta prima pagina con il calcio mercato un angolo riservato ai piloti Ferrari e alla preparazione per la nuova stagione . Il totale delle pagine sono 21 il calcio termina a pagina 17. Pagina 18, 19, 20 e 21 non riportano nessuna notizia di canottaggio, non mancano i programmi televisivi e il meteo.

Estendendo la ricerca a tutta la settimana nessuna delle due testate ha riportato fino a sabato 19 informazioni, curiosità o altro sullo sport analizzato. Altri giornali nazionali riportano presenze in particolare il Mattino di Napoli e il Resto del Carlino poi via via altre testate locali focalizzano le storie e gli atleti del territorio .

Anche per quanto riguarda la “rosea”, il giorno assunto a campione è il 15 gennaio. Come nelle analisi precedenti, il quotidiano riserva la metà delle proprie pagine ad argomenti calcistici, inerenti sia gli aspetti agonistici, sia notizie dal contesto più ampio di questo sport, dal mercato alle vicende giudiziarie. Un buon rilievo, comunque, spetta ad automobilismo, basket, sci, tennis e ciclismo, disciplina che ha fornito, purtroppo, uno degli argomenti principali della settimana, ossia la vicenda di Lance Armstrong.

Ovviamente non mancano gli approfondimenti di notizie al di fuori dello sport, tra i quali una lunga digressione nel dibattito sui diritti degli omosessuali, il simpatico oroscopo di Antonio Capitani e le altre consuete rubriche.

I tre quarti della prima pagina sono dedicati completamente al calcio, con l’ennesimo titolo concernente i rumors dei contatti tra Balotelli e il Milan. Nel taglio basso compaiono anche i riferimenti agli articoli su ciclismo e pallacanestro. Degno di nota è “ET- Extratime”, inserto di 12 pagine sul calcio internazionale, nel quale è proposta la presentazione della Coppa delle Nazioni Africane: l’idea e la veste grafica sono senz’altro positive, mentre lo sviluppo è un po’ limitato.

Come si sarà notato, la “Gazzetta” del 15 gennaio non propone alcuna notizia sul canottaggio, nonostante ai campionati indoor di Catania mancassero solo cinque giorni. In questo senso, ci sentiamo di affermare che, a differenza dei quotidiani generalisti, una testata sportiva abbia tutto lo spazio – oltre che l’opportunità – per seguire gli appuntamenti importanti con un percorso di avvicinamento almeno di medio periodo.

I casi italiani, però, non sono un’eccezione, poiché nemmeno nei siti stranieri scelti questa settimana si riscontra molto interesse per il canottaggio: sulla versione sportiva online di “Bild”, “SportBild.de”, addirittura l’articolo più recente sull’argomento è del periodo olimpico (4 agosto 2012).

Situazione migliore sul britannico “The Telegraph”, che ha una pagina interamente dedicata al rowing, vale a dire la sezione ideata per le Olimpiadi tuttora attiva. Gli ultimi articoli risalgono alla fine del 2012, però nella schermata compaiono gli aggiornamenti di alcuni blog in rete con il “Telegraph” dedicati al canottaggio: in questi casi, i post sono pressoché quotidiani.

Il terzo sito, infine, è quello del “Los Angeles Times”, il quale non si occupa per niente degli aspetti agonistici dello sport in questione, proponendo solo un paio di articoli sul canottaggio amatoriale.

di Simone Chiodo e Beniamino Franceschini

Leggi anche:

La parte variabile è anche il “nero”?
Pocobelli, nessun castello in aria
02 Ice, il prefisso del pattinaggio
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: