La terra amara di Rafa Nadal

Uscito dagli ottavi del torneo di Madrid per mano di Verdasco – 6-3, 3-6, 7-5 – Rafa Nadal, nel 2012 imbattuto sulle superfici in terra battuta, ha duramente contestato le scelte di Jon Tiriac, organizzatore del torneo, che ha voluto una novita’ assoluta, cromaticamente di grande impatto: le superfici di colore blu, a base di terra grumosa, scivolosa, molto veloce. Nadal, che in vita sua Verdasco l’ha sempre battuto agevolmente, l’ha presa male, ha detto che le nuove superfici gli fanno schifo, ha minacciato di non tornare piu’ nella capitale del suo Paese, a meno che il fondo su cui si gioca non ritrovi i suoi quarti di nobiltà: non blu, per una volta, ma color mattone. poveerino, come dargli torto?

Leggi anche:

Doping tecnologico
Mediaticamente – Superbowl, un evento unico (e solitario)
Come diceva Napoleone…
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: