Soldini e il record in tempo per votare

Giovanni Soldini

Da mercoledì 19 dicembre ogni giorno è buono per Giovanni Soldini e il team Maserati per avviare la nuova sfida: battere il record della tratta storica New York-San Francisco. Il primato appartiene ad Yves Parlier, velista francese che nel 1998 con il suo Aquitaine Innovations percorse le 13.225 miglia della tratta in 57 giorni, 3 ore e 2 minuti.

Maserati è da giorni ormeggiata al North Cove Marina di Manhattan, in pieno Distretto Finanziario. Il team agli ordini di Soldini è composto dal tedesco Boris Herrmann, dall’americano Ryan Breymaier, dallo spagnolo Carlos Hernandez, dal francese Sebastien Audigane e dal cinese Teng Jianghe, oltre che dagli italiani Guido Broggi, Corrado Rossignoli, Michele Sighel.

L’attesa è giustificata dalla ricerca, fondamentale, delle condizioni meteo migliori, come ci ha raccontato Giovanni: “L’ideale per noi sarebbe partire dietro a una bassa pressione con vento da nord ovest sui 25, 30 nodi. E’ un vento molto freddo perché arriva dal Canada. Dopo il secondo, terzo giorno di navigazione sarebbe bene che l’alta pressione delle Azzorre fosse divisa in due: un centro sulle Bermuda che lasceremo a destra e un centro sulle Azzorre che lasceremo a sinistra. In questo modo si creerebbe un corridoio che ci permetterebbe di entrare negli alisei permanenti”.

Il tracciato contempla la traversata dall’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico e il passaggio da Capo Horn da est a ovest, che in condizioni di mare formato è un problemaccio per qualsiasi velista.

Il record sarà monitorato dal World Sailing Speed Record Council.

Visti i tempi stretti, Giovanni desidera produrre il nuovo primato giusto in tempo per votare alle elezioni politiche italiane del 17 febbraio.

——————————

La scheda di Giovanni Soldini

Nel 1991 acquisisce fama grazie a La Baule – Dakar; nel 1999 taglia per primo il traguardo della terza tappa della Around Alone, il giro del mondo per navigatori solitari, a Punta del Este. Nel 2008, invece, Soldini taglia vittorioso il traguardo alla The Artemis Transat, attraversando le 2955 miglia nell’Oceano Atlantico.

Leggi anche:

Un minuto di silenzio
Ciao Brendan, maledizione
Appello al voto dei giovani freerider
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: