Raffaella Calloni – Vado a mettere lo smalto

Non sono una persona scaramantica, ma alcuni giorni fa mi è stato fatto notare che ci sono parecchi gesti che tendo a ripetere prima di ogni partita: indosso sempre la stessa biancheria, faccio sempre la stessa visualizzazione, mi metto sempre lo smalto la sera prima, cose così.

Eppure non mi sono mai sentita scaramantica: non cambio strada se un gatto nero mi attraversa la strada, non mi metto a piangere se rompo uno specchio, se mi cade del sale mi limito a raccoglierlo senza preoccuparmi di buttarlo dietro la schiena.

A dirla proprio tutta, le persone superstiziose mi danno anche un po’ sui nervi.

Credo che la scaramanzia sia una cosa stupida, in grado più che altro di influenzarci negativamente, di toglierci il potere decisionale, la presa di responsabilità. Mette in uno stato mentale negativo, dove crediamo che la presenza di una tal persona, che una cosa detta o un oggetto o un luogo abbiamo il potere di farci fare male le cose, di portarci sfiga.

Quello che faccio io è ben diverso: è un aiuto a creare lo stato emotivo che voglio, è un mezzo per cercare di farmi fare alla grande quello che voglio fare.

Forse potremmo chiamarli rituali! Sono quelli che in PNL vengono chiamati ancore.

Ovvero degli stimoli univoci, interni o esterni, che servono a ricreare una determinata sensazione. Nel mio caso specifico servono a farmi entrare nello “state” partita, mi  riportano alla mente i miei successi e mi aiutano a far salire l’adrenalina e mantenere alta la concentrazione.

La differenza più grande sta nel fatto che se non riesco a mettermi lo smalto non credo che perderò la partita, se non indosserò la mia canottiera nera non credo che giocherò male.

Ogni risultato, bello o brutto, dipende da me, dalla mia concentrazione, dalla mia fame, dalla mia tecnica, senza dimenticare che in campo ho anche delle avversarie, magari affamate e concentrate quanto me!

La conclusione di tutta questa divagazione?

Se volete essere scaramantici fate pure: io scelgo la strada più furba, quella che mette nelle mie mani il potere di scegliere e decidere il mio destino!

Un abbraccio virtuale a tutti!

Vado a mettermi lo smalto…

Leggi anche:

Iniziamo il conto alla rovescia?
Supermoto, le piste e i mezzi
Bridge – Punteggio e valutazione della mano (parte 3)
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: