Attività aerobiche, tutte da benedire

Sempre senza eccedere, sono ottime per il fisico ma anche protettive nei confronti dei neuroni e quindi molto utili per mantenersi giovani: le attività aerobiche sono state di recente promosse dai ricercatori della statunitense Mayo Clinic, nota istituzione clinica che ha sedi in Arizona, Florida e Minnesota.

Tra i numerosi sport olimpici presi in esame, quelli che hanno dimostrato maggiore efficacia sulle attività cerebrali sono risultati la corsa, il nuoto, il ciclismo ma anche il basket, la pallavolo, il calcio, il tennis e la scherma.

In Arizona hanno rilevato che mezz’ora di attività aerobica per cinque giorni la settimana tutelano dal rischio di declino cognitivo in forza del maggiore e costante apporto di ossigeno. La conferma viene da ricercatori italiani quale il dottor Sergio Lupo, specialista in Medicina dello Sport e collaboratore della Fondazione Umberto Veronesi: “Sforzi a intensità sottomassimale e prolungati nel tempo, tipici di chi fa marcia o canottaggio, in costanza di respirazione e frequenza cardiaca, consentono al sangue di raggiungere anche i distretti cerebrali poco irrorati e ossigenati per la vita eccessivamente”.

Questo significa ritardare il decadimento cognitivo e l’insorgenza di malattie neurodegenerative. Vanno bene anche il calcio, il basket, la pallavolo, sport di squadra che stimolano entrambi gli emisferi cerebrali (al sinistro competono il ragionamento e la comprensione mentre al destro si rifà la creatività e l’immaginazione).

Altre discipline, tipo il tennis o la scherma, sono utilissime per attivare le aree cerebrali dedicate alla coordinazione e alla percezione dello spazio. “Sono sport – continua Lupo – che allenano’ il lobo frontale sinistro, favorendo una maggiore attenzione, concentrazione e lo sviluppo anche delle funzioni esecutive”.

Ad avvantaggiarsi dell’attività fisica è anche la psiche. “Lo sport aumenta la produzione di endorfine – aggiunge il dottor Lupo – che agiscono positivamente sui centri del piacere, abbassano i livelli di stress e attivano il metabolismo».

Leggi anche:

Nessuno è normale
Coppa America segno dei tempi
Nel Queens, intorno a un isolato
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: