So.Spe, serata senza sospetto

La sigla può indurre in inganno, come tutti gli acronimi. In realtà So.Spe rispecchia una Onlus che fa esplicito riferimento alla Solidarietà e alla Speranza. Per esteso si chiama Associazione So.Spe. Solidarietà e Speranza di Suor Paola.

E noi di SportivamenteMag giochiamo in suo favore per la serata di raccolta fondi che si terrà mercoledì 5 dicembre2012 alle ore 20.30 presso il Loft di Bergamo (via De Amicis 4).

La serata è un tributo di solidarietà verso il prossimo, vale a dire il sostegno e il recupero di persone vittime di violenze, ragazze madri, adolescenti, detenuti e famiglie, povere o disagiate.

La serata è promossa, meglio fortemente voluta, da Guglielmo Stendardo, il difensore dell’Atalanta approdato nell’agosto scorso dalla Lazio, dove non si trovava benissimo. A Bergamo il nostro amico campa molto meglio. Per l’Associazione So.Spe. Solidarietà e Speranza già nel maggio del 2011 Stendardo aveva organizzato l’evento “Il calcio che conta – Calcio e Amore”, una partita di beneficenza tra Lazio+ e U.S. Agropoli, sempre con ricavato destinato alla casa famiglia di Suor Paola.

 

Il costo della serata, 35.00 euro a persona, sarà per intero versato all’associazione.

Per info: 338 4792742

 

———————————–

Profilo di Guglielmo Stendardo (Napoli, 6 maggio 1981)

Cresciuto nel Napoli, esordisce in Serie A nella partita Napoli-Bari del 16 maggio 1998. Seguono le presenze nella Sampdoria, nella Salernitana, nel Catania e nel Perugia, fino all’approdo alla Lazio, intervallato dalle due parentesi con Juventus e Lecce. Il 18 gennaio 2012 arriva in prestito all’Atalanta, per tornarvi a titolo definitivo l’8 agosto dello stesso anno. Ha presenziato in Nazionale nelle stagioni 1997, 1999-2000 e 2000-2001. Ha collezionato un Palmarès in Supercoppa italiana con la Lazio nel 2009; mentre il 28 ottobre 2012 ha raggiunto il traguardo delle 300 partite da professionista.

Leggi anche:

Bici “vietate” ai minori
Peccato, non giocano più
I caschi che non tutelano
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: