Davide Bargellini – Da mandare a memoria

Cosa c’entra un corso di memoria con l’allenamento di un triathleta?

Niente, almeno sotto il punto di vista fisico, ma andiamo con ordine: parecchio tempo fa avevo assistito a una presentazione, tenuta dal mio carissimo amico Giovanni Sposito, sulle tecniche di apprendimento: bella esperienza, soprattutto quando gli ex corsisti hanno dimostrato quello che erano in grado di fare dopo solo due giorni di corso, ma non voglio dirvi niente, sarebbe un po’ come svelare la trama di un bel film. Concedetemi solo un aggettivo: sbalorditivo.

Naturalmente dopo aver visto una così bella presentazione non ho potuto fare a meno che assecondare la mia irrefrenabile voglia di iscrivermi, ero troppo curioso, e così la settimana scorsa ho iniziato il corso.

Veramente bello! Mi piacerebbe davvero raccontarvi qualcosa di più, ma come detto prima non voglio rovinarvi lo stupore.

Vi consiglio di andare a vedere la presentazione, ne vale veramente la pena.

Posso solo dire che ho imparato molto da questo corso, e sono sicuro che grazie ad esso lo studio sarà meno impegnativo e più veloce, lasciandomi più tempo per allenarmi (ed è qui che volevo arrivare) o più semplicemente lasciandomi spazio da dedicare ai miei hobby.

Già che ci sono colgo l’occasione per ringraziare tutto lo staff che ha seguito me e gli altri partecipanti durante i tre giorni del corso, davvero delle persone competenti e alla mano.

Il mio Coach continua a chiedermi cos’altro ho imparato di importante e io è un po’ che ci penso senza arrivare ad una risposta soddisfacente.

Forse ci sono!

Ho imparato che con il giusto mix di tecnica, persone, fiducia e allenamento si possono raggiungere risultati che a prima vista sembrerebbero impossibili!

Come ho fatto a non pensarci prima?!?

Per quanto riguarda il mondo del triathlon ci sono grosse novità: è stato eletto il nuovo presidente Fitri, il suo nome è Luigi Bianchi! Scusate se non mi dilungherò su questo argomento, ma non mi piace parlare di politica, anche se in questo caso si tratta del mio sport e quindi del “mio” presidente.

Voglio solo fare un grosso in bocca al lupo al neo eletto e con un po’ di timidezza permettermi di dargli un piccolo consiglio: “Mi raccomando, cerchiamo di migliorare le cose, ne abbiamo bisogno tutti quanti!”

E dopo questo mio breve consiglio mi congedo.

Grazie a tutti per avermi ascoltato anche questa settimana!

Ciao.

92 8132!!!

Leggi anche:

Doping senza chiaroscuri
Sempre e solo canzonette?
Arturo Vidal non è un killer
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: