Scopriamo insieme il Mezzalama

La XIX edizione del Trofeo Mezzalama, gara di sci alpinismo da Breuil-Cervinia a Gressoney attraverso il Monte Rosa, in programma il 27 Aprile 2013, è stata presentata in una sede prestigiosa come la Sala Montanelli, il salotto buono della Gazzetta dello Spot in via Solferino.

Parliamo di una gara unica, una competizione classica che festeggerà i suoi 80 anni di storia, nonostante si siano sin qui disputate solo 18 edizioni.

La competizione è nata nel 1933 in concomitanza con le prime stazioni sciistiche e i primi impianti di risalita. Ragioniamo di una prova che prevede un’attrezzatura classica, di carattere internazionale, con partenza in linea aperta a squadre composte da tre atleti  in cordata.

Tradizione, innovazione e passione per la montagna sono i cardini del Trofeo Mezzalama che conserva lo spirito pionieristico affrontando l’alta montagna senza alcun aiuto meccanico per affrontare salite e discese. Lo sci alpinismo è una disciplina che utilizza sci con attacchi mobili per affrontare la discesa e pelli di foca che vengono fissate sotto le solette degli sci per risalire la montagna.

In questi 80 anni è cambiato il mondo, è cambiata l’Italia, è cambiato il modo di intendere e di vivere lo sci alpinismo, ma il Trofeo Mezzalama, nonostante abbia avuto lunghe pause, è sempre ritornato, come se l’amore, la passione per la montagna fossero davvero immutabili.

La più alta prova di sci alpinismo delle Alpi è una gara estremamente impegnativa sotto il profilo tecnico che si disputa in uno scenario di grande suggestione. Il tracciato parte da Breuil, prevede la traversata del massiccio del Monte Rosa fino a raggiungere i 4200 metri e infine, la discesa su Gressoney.

Efficace il giudizio del responsabile tecnico della gara, Adriano Favre che così sintetizza il Trofeo Mezzalama:“Nella mia vita di uomo di montagna non ho mai trovato una vetta o un’avventura alpinistica che mi abbiano impegnato mentalmente e fisicamente come il Mezzalama”.

Alla gara sono ammessi atleti provenienti da tutto il mondo con un’importante limitazione numerica – 900 sarà il numero di iscritti – per garantire la sicurezza della “maratona dei ghiacciai”. Un contributo alla sicurezza garantito da circa 50 guide alpine, più di 100 volontari, 10 medici e ben 7 bivacchi di Pronto Soccorso disseminati sul percorso.

Il discorso sicurezza è una priorità assoluta degli organizzatori: nel corso degli anni il Trofeo Mezzalama si è evoluto, alzando sempre più il livello competitivo, ma in passato si è dato per scontato che i partecipanti si occupassero in autonomia delle dotazioni di sicurezza. Così non è stato e in alta quota è sufficiente un piccolo intoppo per generare grandi problemi di sicurezza. Di qui le modifiche regolamentari che impongono un adeguato abbigliamento tecnico, senza dimenticare la qualità dei singoli partecipanti, cioè il loro curriculum.

L’esperienza, oltre che la passione, sarà uno dei requisiti fondamentali. L’aver partecipato alla Grande Course sarà un elemento distintivo in quanto  per affrontare questa “maratona dei ghiacchi” sono richieste ottime doti alpinistiche. Non saranno modificati invece i cancelli orari, ossia i tempi di percorrenza delle diverse tappe in modo da non agevolare gli agonisti puri rispetto agli alpinisti.

Trecento squadre di tre atleti ciascuna, 900 appassionati della montagna, il Monte Rosa a fare da cornice. Che aspettate? Le iscrizioni alla XIX edizione del Trofeo Mezzalama si apriranno il 15 Gennaio 2013.

Leggi anche:

“Lombardata” del 24 Maggio
Guan Tianlang, il golf bambino
De Rossi, è vietato cambiare sport
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: