In una sola parola, orgogliosi

Spazio settimanale dedicato a chi si è distinto nello sport, nel bene e nel male, avendo a cuore i suoi presupposti e i suoi valori

Sara Errani e Roberta Vinci. Le due tenniste italiane hanno chiuso un’ottima annata, regalandoci vittorie, spettacolo ed emozioni. Da appassionato di tennis vorrei ringraziarle, è un piacere vederle nel tennis che conta. Errani e Vinci, mattoncino su mattoncino, hanno raggiunto il sesto e sedicesimo posto a livello individuale, non contente sono prime nella classifica di doppio femminile. In una sola parola: ”GrazieDavvero

Cristian Savani. Schiacciatore, capitano della Nazionale Italiana, milita nel Macerata Volley con cui è al comando della classifica di serie A. Nel corso dell’allenamento di rifinitura si è infortunato riportando un forte trauma distorsivo alla caviglia sinistra. Non ci sono fratture, ma la presenza di una ferita lacero-contusa ha richiesto un intervento chirurgico che lo terrà fuori dai campi di gioco almeno per tre mesi. Capitano tieni duro. In una sola parola: “TornaPresto

Joaquim Purito Rodriguez. Segnalo quanto ha dichiarato sul doping il ciclista spagnolo numero 1 del ranking Uci : “Noi corridori siamo i veri sconfitti. Abbiamo perso sponsor, soldi, credibilità e l’affetto della gente. Dobbiamo guardare avanti”. Proprio per questo chiede la squalifica a vita per chi non rispetta le regole, che si tratti di medici o corridori. Le sue parole sono state definite pesanti ma sfido chiunque a non pronunciarle quando si gettano ombre sullo sport che si vive con passione. In una sola parola: “NoMercy

#rugbymob. Bella l’iniziativa dei giovani rugbysti che hanno organizzato una serie di eventi per lanciare il test match tra Italia e Australia del prossimo 24 novembre a Firenze, portando il loro sport tra la gente. In settimana si sono riversati in Piazza Quattro Mori a Livorno i giocatori dell’Accademia Fir di Tirrenia, ovvero gli azzurri della nazionale under 20, hanno dato spettacolo e testimoniato il proprio sport tra la folla. Si sono ripetuti un’ora prima della partita Fiorentina–Cagliari, in Viale Dei Mille. Il loro obiettivo era coinvolgere, divertire, sponsorizzare… In una sola parola: “Meta

Pugilato in Afghanistan. Quando lo sport sale in cattedra, per essere testimone di valori, è il massimo. In settimana a Kabul è andato in scena, titolo Intercontinentale Wbo dei pesi medi, il primo incontro di boxe professionistica nella storia dell’Afghanistan fra l’idolo locale Hamid Rahimi e il tanzaniano Said Mbelwa, sconfitto per Ko tecnico al 7/a round. Il match è stato battezzato “Lotta per la pace”. Il vincitore ha dichiarato: ”I Talebani depongano le armi, l’unica guerra è questa del ring”. In una sola parola “Fight4Peace

Famiglia Bovolenta. Davanti alla morte ci vuole sempre cautela e la vita di Vigor Bovolenta si è spezzata solo mesi fa. Il 30 ottobre è venuto al mondo Andrea Bovolenta, in ottima salute come la mamma, l’ex pallavolista Federica Lisi. Un augurio di cuore a questa numerosa famiglia (contava già altri quattro figli), in particolare al neo arrivato cui la vita ha già riservato un amaro destino. Spero che lo sport lo aiuti a crescere in modo equilibrato, fatto che riguarda peraltro tutti i bambini. In una sola parola:”ForzaRagazzi

Alex Zanardi! Finché avrò fiato, una penna o una keyboard non smetterò mai di parlare di questo uomo. Ero un tredicenne appassionato di formula 1 quando fui spettatore del suo incidente. Essere qui dopo parecchi anni a parlare delle sue vittorie mi riempie di gioia. Notizia di questa settimana è la sua intenzione non di partecipare alle Paralimpiadi di Rio 2016, quando avrà 50 anni, ma di vincere l’oro, come è sempre stato abituato a fare: ”A Rio ci sarò, certo me lo dovrò guadagnare ma ci sarò. E se ci vado, non è per vedere la spiaggia. Dal secondo posto in giù è come le balle dei cardinali: non servono a niente”. In una sola parola: “Intramontabile

Djokovic. Talento indiscusso della racchetta mondiale, regala emozioni fuori e dentro il campo da gioco. Da oggi è il nuovo numero uno della classifica mondiale, scavalca l’immenso Roger Federer. Il serbo si distingue per la sua versatilità dimostrata nel mimare altri tennisti, ballare, regalare siparietti agli spettatori, insomma divertire. L’ultimo episodio ludico l’ha regalato in settimana presentandosi ad una partita con la maschera di Darth Vader, uno dei personaggi della saga ‘Guerre stellari’, per festeggiare Halloween. In una sola parola: “ShowMan

Leggi anche:

Il bianco di Vercelli torna a risplendere
Smascherato il furbetto Pisoni
Tutti in piedi sul divano
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: