Come ti racconto il baseball con un gioco da tavolo

Quando una passione sportiva si trasforma in un passatempo da tutti fruibile ci si trova di fronte a una forma di genio italico che prende strade originali.

Marco Pieri

L’invenzione del gioco da tavolo del baseball di Marco Pieri richiama quel percorso appena accennato, un gioco per tutti che nasce da un bisogno personale, da una esigenza spontanea maturata in diciannove anni. Con questo gioco, racconta il Pieri, “riesco finalmente a chiarire i ruoli dei giocatori, il significato di “inning” e altri aspetti che alla grande maggioranza delle persone sono sconosciuti”.

Alla prima prova con il pubblico con l’intento di far provare il baseball sul campo ci si è ritrovati sotto lo stand delle Nuove Pantere di Lucca a giocare virtualmente (visto il freddo una scelta condivisibile). Così il 27 e 28 ottobre nella manifestazione Sportiva-mente di Lucca l’adulto Pieri ha realizzato il sogno dell’adolescente Marco.

I protagonisti del gioco virtuale indossano casacche azzurre e arancioni richiamando l’eterna sfida continentale tra Italia e Olanda che nelle ultime edizioni ci ha visti spesso primeggiare.

Presenti anche altri colori tipo il bianco rosso e il pensiero corre subito alle importanti squadre di club statunitensi, ma in realtà si tratta del Grosseto caro amore dell’inventore, un po’ di sana tifoseria non poteva mancare.

Domani il gioco da tavolo viene presentato al Lucca Comic’s nell’area Autoproduzione dove oltre al simpatico inventore troverete anche il quarter back Angelo Boratti sportivo di primordine che aiuta nel lancio commerciale. Fino al 4 novembre una ottima occasione per avvicinarsi e conoscere il baseball vero e virtuale.

Riferimenti:

http://www.boardofdreams.it/

https://www.facebook.com/BoardOfDreams

https://twitter.com/BoardOfDreamS

Leggi anche:

Afghanistan, il pallone lo pacificherà?
Siamo prossimi ai Pacchi
Ivan Brusa - Un amico grande avversario, capita
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: