Conosciamo il verdetto sul “caso Morosini”

Per motivi deontologici non riveleremo la fonte ma noi di Sportivamentemag siamo in grado di anticipare la sentenza sul caso dei tifosi del Verona che nella partita di ieri hanno intonato cori in spregio a Morosini, il calciatore del Livorno tragicamente scomparso lo scorso aprile a Pescara.

..è fuori discussione che i filmati messi a disposizione dalla Digos le parole dei tifosi siano state strumentalizzate. Dal labiale ripetuto più volte si determina una pausa statica tra la parola “Moro” e l’altra “Sini”.

Decontestualizzando dall’accaduto allo stadio e a seguito di indagini appropriate il coro risulta indirizzato al noto tifoso detto “moro” che sottopostosi ad una cura dimagrante appariva fine, per comodità dialettale gli ultras cambiavano in “sini” la parte terminale del coro.
Per questi motivi non ci è possibile procedere e il deferimento viene respinto”.

Perciò l’ennesimo caso montato ad arte dai media.

Con l’abituale tempestività la procura della Federcalcio nel 2014 emanerà la sentenza.

Sino ad allora non vorremmo esser nei panni degli ultras del Verona che tremeranno al pensiero delle severe sentenze pronunciate in questi anni dai giudici federali.
Si ricorda in particolare quella che alcuni giorni fa ha colpito i tifosi del Genoa, solo per aver interrotto un incontro e aver fatto togliere qualche maglietta.

In futuro eviteremmo inutili ipocrisie in caso di morte in campo, addirittura su tutti i campi. Non vorremmo diventare un paese giustizialista. Pensate che qualcuno ieri voleva fermare la partita, non ci è dato sapere chi volesse o dovesse prendere questa decisione.

Leggi anche:

Il ciclismo sul Muro ritrova cuore ed epos
Il calcio della Cuccagna
Vigorelli 1942, nel segno di Coppi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: