Una nuova vita per il Vigorelli

Allo scoccare delle 16.00 di ieri a Palazzo Marino a Milano è stato presentato il concorso per il rifacimento del Maspes-Vigorelli. Una notizia importante per la città, un’opportunità per l’intero paese se il progetto andrà a buon fine.

Il concorso per il nuovo impianto è aperto a tutti gli architetti, soprattutto a giovani professionisti, cui è consentito, per onorare i requisiti richiesti, di riunirsi in gruppo. L’investimento che la giunta si prepara a finanziare è di 18milioni di euro derivanti dagli oneri del City Life, quindi i soldi ci sono.

Coraggiosa la scelta della giunta di investire nel pubblico e nello sport in considerazione della storia che il velodromo incarna. In tempi di ristrettezze economiche è una scelta importante. Rimangono alcuni dubbi rispetto alla funzione della struttura poiché nel bando non si chiarisce a quali sport sarà riservato l’impianto.

Esiste quindi la possibilità che il ciclismo e la pista vengano esclusi dal progetto. Sarebbe un’eventualità molto triste in una città che sta riscoprendo la bicicletta come mezzo di locomozione e di svago.

La Federazione ciclistica dovrebbe scongiurare questa ipotesi considerando che i successi di britannici e australiani sono frutto di seri investimenti nel settore della pista. L’Italia quest’anno nel panorama delle due ruote è rimasta praticamente all’asciutto e questo dovrebbe far rivolgere maggiori attenzioni alla pratica della pista.

Quando la giuria decreterà il vincitore rimarrà comunque aperto il problema – non marginale – della gestione dell’impianto. Su questo aspetto il Comune dovrà essere più chiaro e deciso magari coinvolgendo le federazioni abilitate a proporre le loro discipline nel nuovo impianto.

La speranza è che l’iter si possa completare nei tempi previsti e che non si dimentichi lo sport di base. Una bella sfida per la città che Sportivamentemag seguirà con molta attenzione.

Leggi anche:

Osvaldo Bagnoli, il calcio per bene
A lezione da Gattuso
In una sola parola – EsempiMirabili
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: