Sulla rotta dei fenicotteri

Da Le Havre alle Valli di Comacchio. In canoa. Per Mauro Travasoni, 49 anni, la canoa è una autentica filosofia di vita. Anche quest’anno, per la quarta volta consecutiva, ha pagaiato per 540 chilometri, da Torino a Comacchio, discendendo il fiume Po. Solo con sé stesso, in piena libertà.

“E’ una emozione unica – racconta – che molti dovrebbero provare. Ogni giorno pioggia, vento, sole che spacca le pietre ma devi pagaiare per dodici ore se vuoi arrivare alla meta. Quando incontri un pontile cerchi di rifiatare e poi via, più spedito di prima. Il terzo giorno ho incontrato un novantenne che mi raccontava, divertito, di quando era ragazzo e beveva l’acqua del Po”.

Mauro ha perso cinque chili. I suoi occhi azzurri si illuminano quando si parla dei suoi lunghi viaggi in canoa.

“Per me lo sport è una filosofia di vita. Da alcuni anni a questa parte ho aperto una palestra che si chiama Metaphysical. Il mio amore resta comunque la canoa. Per me è come scivolare via e cercare senza sosta la mia anima e il mio spirito libero. E’ una sfida nei confronti di te stesso. A un certo punto le energie sono al lumicino e tu stringi i denti per superare quei momenti di crisi”.

Un’avventura senza paragoni per questo innamorato delle lunghe maratone solitarie a colpi di pagaia. In trent’anni ha percorso oltre 50.000 chilometri. Ma qual è il suo grande progetto?

“Presto o tardi ci arriverò, perché con la forza di volontà arrivi ovunque. Il mio sogno è quello di seguire in canoa la rotta dei fenicotteri. Da Le Havre, al nord della Francia, sino alle millenarie valli di Comacchio, dove si trovano migliaia di fenicotteri rosa. In termini di distanza quasi tremila chilometri. A volo d’uccello”.

Mauro è l’amico e il confidente di tutti, soprattutto dei numerosissimi ragazzini e ragazzine che praticano la canoa. Lui ha saputo trasmettere passione ed entusiasmo, anche se nella sua palestra puoi sbizzarrirti in qualsiasi tipo di disciplina e attività. Purché lo sport diventi uno stile e una filosofia di vita.

Leggi anche:

Cadere e poi risorgere, resilienza
Fornara c’era, andò proprio così
Il calcio della Cuccagna
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: