Indennizzo tardivo, ma… vivo

Giorni fa Mauro Camoranesi è stato condannato in Argentina a risarcire un avversario che, dopo un suo intervento (di gioco, senza manifesta volontà di far male), è stato costretto a lasciare il calcio. Il calciatore, Roberto Pizzo, era un attaccante dell’Alvarado e l’entrata di Camoranesi gli ridusse del 39% la funzionalità del ginocchio, decretando lo stop alla carriera.

La corte di Buenos Aires ha stabilito un indennizzo di 50 mila euro (e gli interessi sin qui maturati) perché “l’intervento fu di rudezza eccessiva, una pratica anormale e lontana dai principi sportivi”.

La decisione non stupisce, fa invece una certa impressione il tempo che è trascorso.

Ci hanno insegnato che la giustizia ha tempi e modi suoi, che a quelli occorre adeguarsi, anche se i ritardi sembrano altrettante ingiustizie. Ma i 18 anni che sono intercorsi fra l’incidente e il pronunciamento definitivo della corte fanno riflettere.

L’incidente risale al 1994, non c’è alcun dubbio, ben prima che Camoranesi venisse in Italia dove ha soggiornato a lungo, vestendo anche i colori della nostra Nazionale dal 2003 e concorrendo a vincere il quarto titolo mondiale, nel 2006 a Berlino.

Per chi ha voglia di sapere come funzionano i tempi della giustizia italiana (con cui rivaleggia quella argentina) ecco i dati aggiornati allo scorso anno: una causa civile dura in media 456 per avere una prima sentenza. Poi l’appello, che ne comporta altri 1032. Se si va, come succede, in Cassazione, dovete aggiungerne altri 1.200. Il che, basta sommare, fa 2.668 giorni, vale a dire 7 anni e sei mesi.

Leggermente meglio nel penale, dove per la prima sentenza si sfiora l’annualità (337 giorni). L’appello comporta altri 901 giorni, cui vanno aggiunti, sempre in media, altri 383 per le indagini. La Cassazione, da ultimo, necessita di altri 210 giorni per la pronuncia definitiva. Il conto totale sono 1.830 giorni, pari a poco più di 5 anni.

Se vi par poco, ditecelo. Oppure andate a vivere in Argentina.

Leggi anche:

Marcialonga secondo Scienza
Bici che illuminano Milano
Mai più nella civile Milano
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: