I Galli contro i Batani

Niente paura, non si tratta di antichi popoli in conflitto tra loro, bensì di un esponente della famiglia Galli (Lauro), presidente del Riccione calcio, in guerra con la famiglia Batani che della società era la garante economica sino al 30 luglio scorso. In quella data i Batani avrebbero ritirato le fidejussioni bancarie, una volta accertato che nella nuova società compariva ancora l’ex presidente Paolo Croatti, che loro non gradivano.

Croatti, a Riccione lo sanno bene, è sempre stato amico di Lauro Galli. Normale che sia un suo sodale.

Al posto dei Batani i bene informati affermano che, come garante economico, sia subentrato Aquilino Di Tora, ex presidente del Real Rimini, sollecitato sempre dal Galli.

Storia intricata, un viluppo, perché sempre a Riccione si vociferava che il Di Tora avrebbe garantito la fidejussione bancaria sino all’inizio del campionato, cioè sino a sabato scorso.

Il Riccione milita quest’anno in serie D, nel Girone D. O meglio dovrebbe perché la guerra di cui si diceva è esplosa cinque giorni fa quando a San Miniato, dov’era in programma Tuttocuoio-Riccione, si sono presentate due squadretargate Riccione”, ciascuna delle quali asseriva di essere il “vero Riccione”.

Mai accaduto prima, la terna arbitrale si è vista recapitare due liste di chi sarebbe sceso in campo.

La partita non ha avuto inizio, naturalmente, e l’arbitro ha avuto il suo daffare nel compilare il referto, nel raccontare l’accaduto.

Mercoledì è venuto il responso del Giudice Sportivo di serie D: Riccione dichiarato sconfitto a tavolino per 3-0, 1 punto di penalizzazione in classifica e mille euro di multa.

Chi ha ragione, chi vince la guerra Galli-Batani?

In apparenza ha già vinto il primo perché la Lega Nazionale Dilettanti, esaminata la documentazione in suo possesso, ha sancito che l’attuale compagine e l’assetto proprietario del Riccione calcio (Gruppo Croatti e Pasquale Orefice) hanno titolo per prendere parte al Campionato di Serie D 2012-2013.

Benissimo, viene da dire, caso risolto. Ma le famose garanzie bancarie da dove arrivano? Perché quello è il vero nodo da sciogliere.

Alla prossima, non finisce qui.

di Sandro Semprini

Leggi anche:

Walter, prima che sia troppo tardi
Sandrino, come lui oggi nessuno
Lavorare per obiettivi: ma come si fa?
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: