Ciclotappo domani a Cairo Montenotte

Roba seria i “tollini” (così li chiamiamo in Lombardia) ma ogni regione ha la sua denominazione prediletta, spesso dialettale. Così i tappi delle bibite con cui si gioca – tappi a corona per chi avesse dei dubbi – si chiamano “sinalcoli” in Romagna, “basticule” in Liguria, “scudlin” in Piemonte, “cimbalini” in Veneto, “ramette” in Puglia.

Si gioca quasi ovunque in Italia e dal 1993 il “gioco dei tappi” si è dato una Federazione, grazie all’iniziativa di Gualtiero Schiaffino che ha codificato i terreni sui quali competere e soprattutto le regole. Ma in ogni angolo d’Italia sono in vigore regole non scritte, che hanno già mezzo secolo, dato che il gioco si è imposto nel secondo Dopoguerra.

L’abilità risiede nel direzionare il tappo, corona verso l’alto, con la giusta forza, evitando che questi si rovesci, lungo una pista disegnata sul terreno con i gessetti. Un gioco povero, senza pretese, ma che esalta le qualità dei concorrenti.

La Federazione Italiana Gioco Ciclo-Tappo ha strutturato un vero e proprio Campionato italiano, a tappe come il Giro d’Italia. E domani a Cairo Montenotte, si svolgerà la dodicesima tappa in programma. Appuntamento nel pomeriggio in Piazza della Vittoria dove, naturalmente, per allietare i presenti va in scena un bellissimo Mercatino delle Pulci e dell’usato.

Da mezzogiorno la Pro Locodi Cairo renderà disponibile il Solfritto d’estate, uno speciale pane fritto – e altre golosità.

Cairo Montenotte, per chi non lo ricordi, è in provincia di Savona.

Leggi anche:

Olimpiadi di Londra - 1908
Una boccata d’aria, coi ragazzini
Kayak e bici, tra sogno e realtà
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: