Guido, il dirompente

Prendiamo in prestito – si può fare, è un amico – le parole di Marco Pastonesi che nel suo blog (Pane&Gazzetta, imperdibile), lo tratteggia così: “È imponente, ingombrante, invadente; è una presenza vivente, evidente, sorridente. È una casa già occupata, è un cartello “sold out”, che non significa “fuori i soldi” o “senza soldi”, ma “tutto esaurito” (però anche la faccenda della bolletta c’entra sempre). Se fosse un rugbista: pilone. Se fosse un pallanotista: centroboa. Se fosse un boxeur: massimo. Ma è un artista, e allora altri paragoni. Se fosse un regista: facile, Michael Moore. Se fosse un attore: Gérard Depardieu. Se fosse un cantante: Bob Hite dei Canned Heat. Ma lui non è californiano e neanche parigino, viene da Ferrara, si chiama Guido Foddis e la vita è così, a volte dà, a volte tiene, a volte aspetta. Diciamo che la vita sta ancora aspettando che farsene di uno come lui”.

Guido Foddis un anno fa si è proposto come scrivano, ha scritto “Il Giro a sbafo”,  cronistoria di un corsa rosa, edizione 2011, vissuta in bolletta. Attraversata alla modica cifra complessiva di 250 euro, grazie alla fama di critico enogastronomico (accertata dal peso), all’istrionica simpatia (vedere per credere) e a un regolare pass stampa per le sue variopinte collaborazioni radiofoniche.

Ma Guido è nel profondo un uomo di musica e parole – intendiamoci, non un cantautore – e quest’anno ha dato vita a un cd, “La Repubblica delle biciclette”, suonando e cantando con una piccola tribù ciclistica. Ha messo insieme un gruppo di corridori – Peter Sagan, Alan Marangoni, Sacha Modolo e Tiziano Dall’Antonia (tre Liquigas-Cannondale e un Colnago-Cfs), oltre a Herman Medrano -  e poi i Pedali di Ferrara, un gruppo dissonante di cui Foddis è parte dalla nascita. Non cantano ma parlano Davide Cassani, Alessandra De Stefano e Paolo Maggioni (ex Radio Popolare, oggi “Caterpillar”), oltre ai colleghi marcatamente ciclistici, Pier Augusto Stagi e Angelo Costa.

Se avete voglia di ricrearvi basta andare su www.guidofoddis.it

Leggi anche:

A Simone Ragusi piace Movember
Marco, solo con le sue ombre
Giacomelli l’intempestivo
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: