Un pallone da battezzare

È quello dei Mondiali 2014 inprogramma in Brasile, ancora senza nome: la Adidas, che lo fabbrica, ha lanciato un sondaggio popolare fra gli appassionati carioca e paulisti di futebol. In ogni caso lo decidono i brasiliani.

Tre i nomi a scelta dei “figli della torcida”: Bossa Nova, Carnevalesca o Brazuca.

L’idea di affidarsi a una giuria popolare – è la prima volta che questo accade, senza imposizioni di un’agenzia di comunicazione che lo determinava – è venuta a un dirigente tedesco, il cui nome – quello sì – è rimasto segreto. Discreta operazione di marketing, in ogni caso.

Quanto alle denominazioni prescelte, il superfacile Bossa Nova sembra destinato a prevalere con largo margine su Brazuca, un po’ troppo guerresco per essere un pallone, e Carnevalesca, decisamente insipido.

Chi parteciperà al sondaggio popolare in Brasile potrà vincere un biglietto per la partita inaugurale del torneo mondiale.

Comunque decidano di chiamarlo speriamo che sia ben diverso – sotto il profilo squisitamente tecnico – dal modello Jabulani che, grazie all’imprevedibilità delle sue traiettorie, fece impazzire non pochi portieri al Mondiale 2010 in Sudafrica.

Ci fu chi, esagerando, definì quel Mondiale falsato dal pallone.

Leggi anche:

Aspettando un altro urlo
Dal web esempi da seguire
Mediaticamente – L’hockey ricorda Cenerentola
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: