Ognuno ha il suo Baggio

Matteo Salimbeni e Vanni Santoni hanno scritto un finto romanzo sul Divin Codino o Coniglio bagnato o Raffaello, l’eterno poco compreso del calcio italiano. Sì Baggio, Roberto non Dino, quest’ultimo citato in due occasioni per un totale di due righe, anche se ne meriterebbe di più perché anche Dino ha smesso per il cognome, comunque non gradito. Perché i Baggio non sono comodi.

Volume che non t’aspetti, questo su Baggio, scritto da due toscanacci che la san lunga, nonostante la giovane età. Chi ama il calcio l’apprezzerà per le molte verità che contiene. Tutte non richieste e già per questo apprezzabili. Una vecchia zia, timorata di tutto, diceva che si fa peccato a raccontare le verità non richieste, si va all’inferno. Vero il contrario, crediamo, anche se spesso chi propone verità non richieste ha un fare sospeso: “è bene che tu sappia” oppure “devi proprio sapere, sono stufo di tenere per me…”. Che cosa? “Un segreto” oppure un “non detto”? Fate voi, in ogni caso siamo nei territori dei fatti che andrebbero taciuti. Per coltivare, com’è noto, l’ipocrisia, erba che cresce come la gramigna, infestante.

I due autori, complice l’editore e una serie di personaggi di fantasia che li contornano, fanno a gara a dire la loro su Baggio, senza risparmiare nulla anche all’interessato. Lo raccontano a chi non c’era e nel frattempo fanno scorrere vent’anni, quelli che Baggio ha attraversato lasciando comunque un segno. Anche se, come dicono i saputoni, “ha vinto poco o nulla”.

L’ascensione di Roberto Baggio è un titolo di comodo, anche se la foto di copertina conforta la beatificazione del Nostro, che sorride un po’ sghembo, da timido qual è sempre stato. Il vero titolo avrebbe potuto essere La maledizione di Roberto Baggio, molto più aderente alla realtà. Ma l’editore vero (Mattioli 1885) non se l’è sentita. E lo comprendiamo. Avrebbe venduto un centinaio di copie: dodici agli amici più stretti e il resto a quelli che detestano Baggio.

Non perdete questo non romanzo, è sapido come i due autori. E non disperate se faticherete a rintracciarlo, i libri per pochi non frequentano i book store.

—————————————

Matteo Salimbeni, Vanni santoni

L’ascensione di Roberto Baggio (nella collana Experience/Frontiere)

Editore Mattioli 1885

Pagg. 150 euro 15,90

Leggi anche:

Tifo tossico, medicine introvabili
Uno scudetto per cinque
Nel segno di Wouter Weylandt
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: