Cicloturismo come a inizio Novecento

A Ispra domenica 14 settembre va in scena la quarta edizione della “Mangia, bevi e bici” nella versione più attuale del muoversi senza inquinare, pedalando alla scoperta delle preziosità del lago Maggiore su tre tracciati, dai 20 ai 50 chilometri, senza dannarsi

Non pochi si schiereranno al via per la quarta volta. Ci han preso gusto, la “Mangia, Bevi e Bici” in versione 2014 è in programma a Ispra, sul Lago Maggiore, domenica 14 settembre. La pedalata enogastronomica coinvolge ciclisti autenticamente di buon gusto che abbinano la cultura e il cibo. Si cimentano in sella al loro destriero avidi di cultura e di cibo. In forma  numericamente paritetici. In realtà è un appuntamento per gente curiosa che, dotata di un mezzo che non inquina, va alla scoperta di un territorio dotato di eccellenze ambientali, culturali e, perché no, enogastronomiche. Cicloturismo, niente di più, nell’accezione che si dava al termine nel primo Novecento. Cicloturismo nel Basso Verbano, un territorio che vuole aprirsi a un ampio numero di frequentatori accomunati dall’utilizzo della bici. A misura di ciascun partecipante. Non a caso la “Mangia, Bevi e Bici” di obbligatorio ha soltanto l’iscrizione, da formalizzare entro venerdì 12 settembre, per il resto è una libera scelta su percorsi diversi, su strade poco trafficate e itinerari sterrati: l’edizione 2014 contempla tre itinerari (20, 30 e 50 km) provvisti di tappe enogastronomiche e soste culturali, presso monumenti e luoghi da riscoprire.

Il percorso “Monumenti aperti”, abbinato all’itinerario gastronomico, è quasi una caccia al tesoro, con sorpresa finale. Dall’eremo di Santa Caterina, alla chiesa di San Primo e Feliciano a Leggiuno, dalla chiesa di San Pietro a Brebbia, all’antica torre di Barza, dal monumento di Giò Pomodoro a Taino, all’Oasi della Bruschera, dal museo archeologico di Angera fino a Ispra, dove, per tutto il giorno, sarà allestita una piccola rassegna di pittori sul tema “bicicletta”. Organizza la LibEreria di Ispra, in stretta collaborazione con l’Asd Isperia e la Bottega del Romeo, un punto di riferimento per il cicloturismo sul Lago Maggiore. Garantiscono la riuscita della manifestazione le associazioni e i volontari, sempre disponibili, a partire dai Guardiani del Lago, che si occupano della logistica e dell’allestimento dei percorsi. Si schierano a fianco della “Mangia, Bevi e Bici” l’associazione culturale Lezedunum e i Giovani per Angera, preposti all’accoglienza dei partecipanti nei territori di competenza, d’intesa con le amministrazioni comunali e alcune Pro Loco.

La pedalata coinvolge quest’anno i comuni di Ispra, Brebbia, Monvalle, Leggiuno, Besozzo, Cadrezzate, Angera, Taino e Ranco. Cresce costantemente il numero di sponsor, tecnici e non, che garantiscono gli equilibri economici della manifestazione. Tra gli enti patrocinatori  figura anche quest’anno il Touring Club Italiano che offre ai soci partecipanti all’evento uno sconto sulla quota d’iscrizione.
Le iscrizioni si raccolgono presso la Bottega del Romeo, in piazza San Martino, a Ispra (Va), tel. 0332/780285.

Per ulteriori necessità: info@labottegadelromeo.com, tel. 348 8516760.

di Gianni Poli

Leggi anche:

Profumo di umanità in carcere alle Vallette
Mediaticamente – Canottaggio, fuori tempo (minimo)
Moleskine Five (part B)
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: