Una Cordata di volontari agonisti

La onlus che opera vicino a Milano lancia un appello per reclutare 10 soggetti dotati di spirito sportivo per assistere i disabili mentali durante le due settimane di vacanza in agosto a Marina di Massa

L’alpinismo nei suoi concetti base legati alla sicurezza ispira anche un’associazione di volontariato denominata, appunto, La Cordata. Opera a Gorgonzola, nei pressi di Milano, a favore del tempo libero delle persone portatrici di handicap, sia fisici che psichici, dando sollievo alle famiglie (tregua, nel senso della respite care). E tratta con la massima attenzione i singoli casi, le individualità: diversa è l’assistenza a chi soffre di semplici ritardi mentali rispetto ai casi più impegnativi, che richiedono la costante presenza di un volontario. L’idea de La Cordata è quella di avere un approccio il più semplice e spontaneo nei confronti di questi “amici speciali”, per rendere il tempo passato insieme un’autentica evasione dai problemi di ogni giorno, avendo grande attenzione all’idea di gruppo: è lo stare insieme la cosa importante, non solo il rapporto con il singolo.

La Cordata è alla costante ricerca di ragazzi e ragazze maggiorenni che abbiano voglia di condividere, con spirito sportivo, varie esperienze di svago e di aggregazione nel corso dell’anno, di giorno e di sera: si va dalla visita a un museo alle gite in agriturismo, al lago, in piscina. E poi gli impegni a più ampio respiro legati alle vacanze estive all’interno di strutture attrezzate in località balneari, quest’anno in programma dal 16 al 30 agosto a Marina di Massa presso il Villaggio Torre Marina.

Di volontari ne occorrono ancora dieci, senza limiti di età, purché maggiorenni: giovani e meno giovani con attitudini sperimentate – meglio se hanno esperienza nel volontariato con persone disabili – o semplicemente dotati di buona volontà, pazienza e capacità di vivere in gruppo per superare le inevitabili difficoltà, ovviamente coadiuvati dai volontari più esperti.

Al volontario che decide di partecipare si prospettano giornate molto intense che scorreranno tra gite, giochi, spiaggia, piscina, attività varie di animazione, di giorno e di sera. A ciascuno sarà affidato un ragazzo del quale prendersi cura in base alle necessità individuali (l’impegno richiesto è di 24 ore su 24).

Il gruppo dei “vacanzieri” sarà composto da 19  ragazzi che presentano diverse tipologie  di difficoltà e diversi gradi di autonomia: c’è chi ha bisogno solo di compagnia e chi invece necessita di essere accudito in tutto. L’abbinamento viene fatto in base alle caratteristiche e le attitudini del volontario, sempre e comunque nella logica del gruppo. Il gruppo è sempre vincente.

Un ultimo dato, in tutta serenità: la Cordata autofinanzia parte delle attività (il cui costo complessivo è di 120 euro, al quale concorrono anche le famiglie dei ragazzi disabili) e perciò chi abbia voglia di dare una mano può farlo utilizzando le coordinate bancarie de La Cordata: Credito Cooperativo Bergamasco, filiale di Gorgonzola, c/c 150412, Abi 8453, Cab 33160)

Per qualsiasi ulteriore informazione rivolgersi a:

Lorenzo: 346 0812249

Nicoletta: 338 3318320

e-mail: cordata2005@libero.it

Leggi anche:

Il calcio irriconoscibile. O no?
I Sette Colli non fermano i ciclisti
Multate, per favore, anche i genitori
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: