Un Buffon d’altri tempi

Di nome fa Lorenzo, nei suoi anni d’oro è stato celebre come oggi Gianluigi, di cui è lontano parente. Milan per molti anni, poi Genoa e infine Inter. Celebre la sua rivalità con il rossonero Giorgio Ghezzi

Buon compleanno a Lorenzo Buffon, nato il 19 dicembre 1929. Un altro Buffon, un altro portierone. Lorenzo è il cugino di secondo grado del nonno di Gianluigi Buffon. Parenti per via del cognome, non certo per discendenza diretta. Simili anche nelle scelte, anche se quelle attuali (la Seredova per Gianluigi). sono state certamente più semplici. Anche Lorenzo si accompagna e poi sposa un’indossatrice di gran classe, Edy Campagnoli, divenuta celeberrima valletta del quiz più amato dagli italiani, “Lascia o raddoppia?” condotto da Mike Bongiorno. La Campagnoli è di poche parole tanto che la chiamano la valletta muta. Dirà la sua per avere la separazione e il divorzio, a tempo debito. Lorenzo accuserà il colpo cercando distrazioni negli Stati Uniti, a calcio già passato in archivio.

Friulano come Zoff, Rocco e Bearzot, Buffon cresce nella squadra del Portogruaro. E sfonda immediatamente. Appena ventenne debutta nel Milan e l’anno seguente contribuisce alla conquista del primo di quattro scudetti in rossonero. È il Milan del Gre-No-Li. L’8 novembre 1958 lo troviamo in maglia azzurra. Farà in tempo anche ad indossare la fascia di capitano della nazionale italiana. Nel ’59 passa al Genoa, ma è soltanto una brevissima parentesi, perché tre mesi dopo riparte nuovamente per Milano, destinazione Inter. In maglia neroazzurra disputerà 79 partite.

Allo sfortunato Mondiale cileno (1962) è l’unico giocatore interista ad essere convocato. Comincia per lui un lungo periodi di infortuni e vicissitudini, tanto che è costretto a cedere i guanti al vecchio Ottavio Bugatti. Da Milano a Firenze, al posto di Giuliano Sarti, insidiato però dal giovane Enrico Albertosi. Buffon chiude la carriera nel 1965, in serie C, con l’Ivrea.

I meno giovani ricordano la celebre rivalità con Giorgio Ghezzi.

Da allegro e spensierato ottantaquattrenne Buffon vive a Latisana e continua, a tempo perso, a fare il selezionatore di talenti per il settore giovanile del Milan.

Leggi anche:

Pittorica-mente (Quando il pittore è uno sportivo)
Evviva, razzisti non si nasce
“Hurricane” Carter non è morto invano
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: