Mattone dopo mattone…

Reduce da un corso di Vitality Coaching ho verificato quanti dei duecento partecipanti si siano presi cura di sé, alcuni muovendo i primi passi di corsa, altri imparando la respirazione addominale

È passato un mese dalla mia partecipazione a un corso di formazione eccezionale, un corso di 5 giorni incentrato sulle relazioni: la relazione col tuo corpo e quella con le persone che ti circondano. Il Vitality Coaching si tiene una volta l’anno, e ogni volta porta con sé emozioni e scoperte eccezionali; è un’esplosione di energia e di emozioni che diventano in breve la benzina migliore per affrontare le sfide che ogni giorno si presentano davanti ad ognuno di noi.

Ma perché ne parlo su Sportivamentemag?

Una sana relazione con il proprio corpo passa attraverso un’alimentazione curata e un’attività sportiva adeguata alle proprie possibilità e ai propri obiettivi. In quei giorni molte delle 200 persone presenti si sono ricordate di avere un corpo.

Grazie al supporto di un Personal Trainer molto preparato, e di sicuro anche grazie al fatto di trovarsi in un contesto in cui tutti erano motivati a fare quel passettino in più rispetto al solito, molti hanno mosso i propri primi passi di corsa, almeno i primi degli ultimi vent’anni. Qualcuno ha giustamente solo camminato velocemente, altri hanno imparato come la respirazione addominale possa fare la differenza, altri ancora hanno scoperto che cosa siano i piegamenti.

Devo dire che è stato emozionante vedere tante persone così stupite di se stesse, così motivate nel volersi prendere nuovi impegni riguardanti la cura del proprio corpo.

In questi giorni sono in contatto con molti di loro: qualcuno mi chiede consigli sull’allenamento o sull’alimentazione, qualcuno mi racconta i suoi successi sportivi; questo oltre a farmi molto piacere mi ricorda ancora una volta di come basti una scintilla a scatenare un fuoco enorme.

Quindi mi rivolgo a chi legge, soprattutto a tutti quelli che in questo periodo stanno pensando se iscriversi in palestra, se iniziare ad allenarsi con quella nuova squadra di pallavolo, se tuffarsi in quel corso di nuoto o se accettare l’offerta di quel personal trainer a domicilio.

O magari anche a quelli che sull’onda dell’entusiasmo post estivo hanno iniziato una nuova attività sportiva e ora stanno già pensando di abbandonarla per i troppi impegni…

Nessuno vi dice che sarà facile, anzi, ci vorrà tutto il meglio di voi!

Gestione del tempo, obiettivi chiari, spirito di sacrificio.

Però vi dico che un muro forte e resistente si costruisce partendo da un singolo mattone, e il vostro primo passo è quel mattone.

Posatelo, guardatelo, congratulatevi con voi stessi per averlo posizionato così bene, e poi via con un altro mattone!

Enjoy

Leggi anche:

Davide Bargellini - Un concerto dal vivo, finalmente
Barbara Vellucci - Di corsa sotto la pioggia
Tanti saluti allo stile Juventus
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: