Come far sparire le perdenti

Nel bridge la tecnica è elemento essenziale sia nel gioco col morto, che nelle situazioni di controgioco, dove la gestione delle figure aiuta a salvarsi da naufragi in apparenza sicuri, ma a volte evitabili.

In questa mano giochiamo, in Sud, 4 mentre Ovest, sulla apertura di 1 di Nord e la nostra risposta di 1 ha interferito con 2. Poi sul contratto finale di 4 lo stesso Ovest ha attaccato di K.

 

Dunque lisciamo l’Attacco di K, mentre Ovest insiste con il J, che in Sud vinciamo con A, battendo poi due colpi di atout. Sul primo cade la Q di Ovest che sul secondo rifiuta, mostrando la pessima distribuzione 4-1 delle atout e l’apparente condanna del nostro contratto.

Ora però, prima di alzare bandiera bianca, concediamoci un attimo di riflessione: avendo già ceduto la prima presa di K, e dovendo cedere ancora due prese di atout, J e 10, ci resta la gestione delle , gestione che, ben che vada, mostra almeno un’altra presa perdente. Il mantenimento del contratto appare indiscutibilmente problematico. E invece…la tecnica ci viene incontro.

Ipotizziamo, infatti, perché ci fa comodo che la situazione sia quella che abbiamo ipotizzato, e se non lo fosse saremmo down, che chi è corto a sia corto anche a . Noi potremmo così realizzare di taglio le nostre tre piccole atout della mano, tagliando le del morto e il finale sarebbe davvero pirotecnico.

Dunque proviamo: A e K sono incassati e quindi piccola al taglio di mano. Taglio dell’8al morto e 7 tagliato in mano e l’A è il rientro al morto per tagliare l’ultima in mano. Si realizza il contratto mentre Est con le sue due ultime atout vincenti, taglia le vincenti a del compagno. Due vincenti che tagliano due vincenti, in difesa, eliminano due perdenti del giocante che ha così potuto realizzare le 10 prese dell’impegno.

Ecco la smazzata completa che potrà dare una visione globale del colpo difficile da vedere e raro che capiti, ma quando capita la difesa piange.

Come possiamo constatare la prudenza nel lisciare il primo colpo sul K♥ d’attacco, è stata molto importante perché, unita al resto della manovra, ha permesso a Sud di entrare in un porto sicuro.

Non ricordo esattamente il nome di questo colpo, che potrebbe tranquillamente trattarsi del colpo dello squalo.

 

Leggi anche:

Soltanto “zampellotti” o “salitozze”
In favore di corrente, per una volta
Sebastian Coe davanti all’incubo doping
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: