I giochi, prima dello sport

A Castiglione della Pescaia è andato in scena il BASE Festival, una tre giorni volta proporre ai piccoli i diversi “sapori” di una serie di discipline e agli adulti nuove opportunità di cui fare tesoro

Quattrocento tra bambini e ragazzi, in età variabile tra gli 8 e i 14 anni, lo scorso fine settimana sono stati per tre giorni catapultati in uno scenario plurisportivo, a Castiglione della Pescaia, dove si è svolto il BASE Festival, un’opportunità di felice (e opportuna) contaminazione tra sport e benessere, ambiente ed energia, senza alcun conflitto.

In nome e per conto della possibilità di testare una serie di discipline e quindi eventualmente scegliere, i giovanissimi hanno preso contatto con sport mai prima praticati: atletica, baseball, tiro con l’arco, pattinaggio a rotelle, hockey pista, vela, surf, arti marziali, tennis. Oltre ad alcune esibizioni di danza, che non è codificata come sport ma è certamente assonante.

I minori ne sono usciti molto divertiti, alcuni incantati. Perché è stato offerto loro di provare emozioni nuove, di ragionare di quello che magari faranno, in crescita.

A loro disposizione collaudati istruttori di ogni disciplina, con il lusso di un dimostratore come Alex Liddi, 23enne sanremese che gioca in Major League di baseball e di Marco Mazzieri, che dello staff tecnico della nazionale azzurra è il responsabile. A Castiglione era spalleggiato dai suoi assistenti. Un giovane eroe il buon Marco Santucci, pattinatore con stampelle, per via di caviglia in disordine, che non ha mancato di commentare i suoi video dimostrativi.

Artefici del Festival quelli di MDP, associazione di promozione sociale che ha coinvolto una serie di enti, istituzioni e associazioni sportive che hanno risposto con entusiasmo. C’è anche chi ha nicchiato perché convinto che la prima edizione di una nuova iniziativa vada vissuta da lontano, giusto per vedere l’effetto che fa, ma in quanto assenti hanno ovviamente torto.

Gli organizzatori, di rimando, hanno parlato di una edizione 0 del Festival che dal prossimo anno, parola del sindaco di Castiglione della Pescaia, assumerà un’altra dimensione. Se possibile paradigmatica.

La bella località del Grossetano è stata inserita negli ambiti che daranno vita all’Anno Europeo dello Sport, il 2014 la vedrà protagonista di ben 100 eventi a tonalità sportiva tra il 13 aprile (a una settimana dalla Pasqua) e il 22 giugno. Tra gli eventi a tonalità socio-sportiva il BASE Festival è già un’eccellenza.

Gli adulti, c’è stato ampio spazio anche per loro, hanno goduto di un dibattito di qualità sul talento nello sport e nella vita oltre a una serie di seminari sulle logiche del benessere in base alle felici commistioni tra la scienza occidentale e quelle complementari. La parte del leone l’ha fatta con due seminari Master Del Pe, filosofo e maestro di vita che orienta il benessere grazie alle energie di cui disponiamo e che raramente mettiamo in campo, liberandole poco e male.

———————

Dietro le quinte

Un grazie, doveroso, a Barbara e Silvia (niente cognomi, per loro espresso desiderio), organizzatrici a prova di contrattempi.

A Loretta Borri e Cinzia Machetti, dirigenti scolastiche senza timori.

A Giancarlo Farnetani, sindaco di Castiglione della Pescaia, che si è adoprato con lo staff per garantire l’agibilità dei siti comunali in cui il Festival si è sviluppato.

Un bravo alle associazioni sportive del Grossetano, tutte dedite. Un plauso a Skeep, l’associazione di volontariato che aiuta i diversamente abili a praticare sport.

Un grazie particolare al centinaio di volontari che hanno garantito le dimostrazioni di sport e le gare. E alla Croce Rossa di Grosseto, vigile antidoto alle evenienze negative.

Leggi anche:

A Simone Ragusi piace Movember
Le singolarità del presidente Lotito
Hockey Numbers: c’è dentro tutto!
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: