Tutto Balotelli in 93 minuti

Caro direttore,
è arrivato l’autunno, cadono le foglie e anche il re è rimasto nudo. Dopo sette anni e ventidue rigori segnati, SuperMario Balotelli ne ha sbagliato uno, facendosi parare il tiro da Reina, il portiere spagnolo del Napoli. Il Meazza è rimasto incredulo, muto, Galliani ha sbarrato gli occhi e poi si è pizzicato una guancia per verificare che non fosse un incubo, Allegri ha spalancato le braccia impotente.

E lui? Lui apparentemente non se l’è presa più di tanto. Ha continuato a giocare e lottare, praticamente da solo contro gli undici del Napoli, ha segnato un gol fantastico, ne ha sfiorati altri, poi ha litigato con l’arbitro e si è fatto espellere. Insomma, il solito Balotelli, croce e delizia con questa inattesa eccezione della foglia di fico caduta il primo giorno d’autunno.

È stata una giornata strana. Per quello che ho appena descritto, ma non solo. Ci sono altre novità. La prima riguarda la testa della classifica. Io non sono un esperto di statistiche, ma a memoria posso dirti che non ricordo di aver ai visto in testa al gruppo la coppia Roma-Napoli. Mai.

A prescindere dal tifo, la notizia, diciamolo chiaro, è incoraggiante, perché significa incertezza, entusiasmo, curiosità. Insomma, c’è da pensare che quest’anno non ci sarà la passerella solitaria della Juventus, ma potremo assistere a un campionato molto più combattuto e incerto con cuori che battono a Nord, al Centro e al Sud dello stivale. Un bene per il calcio.

Altra notizia clamorosa il Settebello giocato dall’Inter  a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Leggo che mai nella sua storia l’Inter aveva vinto 7-0 in trasferta. Un record straordinario che dà la carica, un record che, comunque, va archiviato di corsa per evitare che dia alla testa.

Perché è vero che l’Inter di Walter Mazzarri è un’altra cosa rispetto a quella scellerata dello scorso anno, ma la domanda che nasce spontanea dopo aver visto la partita è “che ci fa il Sassuolo in serie A?”

Quattro giornate quattro sconfitte, un gol fatto, quindici incassati. E dopodomani il Sassuolo va a Napoli. Stiamo andando a stabilire un nuovo record? Tocchino tutto il ferro che trovano i tifosi del Sassuolo, ma il rischio c’è.

Leggi anche:

Olimpiadi di Roma - 1960
Cimmino, adesso viene il bello
Psicopedagogia e sport s’incontrano
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: