Bridge – Difesa contro il Senza Atout debole

Questo argomento , ancora poco sviluppato in Italia, è di grande importanza data la sua efficacia e la sua semplicità. Molte coppie infatti quando incontrano il pre alert del SA 9-12 si mettono il bavaglino pronte a una abbondante pappa. Errore. Il principio fondamentale, come ribadito anche da una recente bella pubblicazione americana, è l’atteggiamento mentale con il quale si affrontano queste situazioni: la difesa contro le aperture di 1 SA. ci fa  pensare  subito a pesanti punizioni e a succulenti down castigando questi avversari che pensano di fare, impunemente, i loro comodi, ma non è cosi’. Contro il SA forte –  invece – si parte all’attacco lancia in resta sperando nei miracoli delle bicolori. Giocando un Bridge competitivo, non bisogna mai avere paura, ma rispetto del  nemico, come ci si dovrebbe comportare con il  mare o la montagna. Timore mai, rispetto sempre.

 Cominciamo col precisare che il SA debole prevede, oggi ,  queste categorie di aperture :

il SA forte 15 /17 . Pochi ancora sono ancorati al vecchio 16 / 18 o, peggio, al 15 / 18.

- il SA debole di tre categorie :

  • il SA 12 – 14        ►        debole di tipo A
    • il SA 10/ 12         ►        debole tipo B
      • il SA  8 / 11         ►        miniature
        • il SA 9 / 11          ►        miniature

Il SA 12/14 non è , come molti pensano, una astuzia per rubacchiare un top, ma una esigenza generale del sistema adottato in quanto, per un certo tipo di mano. la casella da utilizzare per la mani bilanciate con punteggi 12 / 14 è proprio solo quella di 1 SA.

Il SA 10 / 12, Convention Cards dei grandi alla mano, è poco usata, mentre il SA  8 / 11  oppure 9 / 11 parte da presupposti di tipo roulette che – alla lunga – non hanno un ritorno effettivo in termini di guadagno, come dimostrano le statistiche. Fatta salva l’eccezione dei  tornei a coppie dove il 99% dei partecipanti , dal SA  8 / 11 si difendono a spanna, non avendo una convenzione studiata ad hoc. personalmente sono felice quando incontro queste coppie che giocano il SA miniature , che,  ahimè, oggi come l’Airone Bianco del Reno, sono esemplari sempre più rari.

Torniamo al cuore del problema . L’atteggiamento che dobbiamo avere nei confronti dei diversi tipi di apertura di 1 SA avversario. Contro le aperture di 1 SA debole, dobbiamo avere una mentalità d’attacco , costruttiva  più che punitiva, in quanto se l’avversario apre debole noi dobbiamo non farci rubare una manche possibile. Se poi se ne esce con un contro punitivo e incassiamo sostanziosi down, nessuno avrà motivo di dolersi. Incassare  in Euro o in Dollari una quantità notevole di contante è sempre operazione gradevole.

Contro le aperture di 1 SA forte , per contro, forti loro meno forti noi, dobbiamo avere una mentalità distruttiva. Qualcosa del  tipo Navy Seal : competere sui parziali o disturbare le chiamate di partita avversarie. Io, confesso, appartenevo alla categoria del mangia-SA-deboli e sbagliavo. Anche dopo mezzo secolo di Bridge, un pò di umiltà e se l’argomento ha basi solide bisogna farlo proprio. Come avverte Robert Stark nel suo citato testo, illustrando la Convenzione  “Mohan over NT” , deboli loro costruttivi noi, che in teoria dovremmo avere più punti della linea avversaria, forti loro, distruttivi  noi per la ragione opposta. Ma di questo parleremo estesamente ora.

I sistemi messi a punto dai tecnici contro il SA debole ( dell’ 8/11 parleremo in fase conclusiva ) sono sostanzialmente due : la Landy originale e la Mohan , senza nulla togliere all’adattamento delle varie Aspro, Apstro , Astro, Becker, Cansino, Cappelletti ( nota in America come Hamilton e In Inghilterra come  Pottage ) Hello, Ripstra e Suction.

 

Convenzione Mohan contro il SA debole 12 – 14

Questa convenzione è stata messa a punto da John Mohan , con qualche tiratina d’orecchi a Alvin Landy (Facile quando ti arriva dopo! E’ normale migliorare ciò che già esiste) ha aspetti migliori a parere di Stark nel seguito della dichiarazione. Può essere usata sia in seconda che in quarta posizione sull’apertura di 1 SA.  Il contro si usa  con punteggi da 15 + p.o. Se con soli 14 p.o. dobbiamo avere,  a lato , una sequenza del tipo K Q J 9 x oppure del tipo Q J 10 9 8 che ci garantisca un attacco di sfondamento a SA e prese sicure in contro gioco . Le interferenze sono diverse ed ora le esaminiamo.

 

Interferenza di Contro

Mohan raccomanda e sottolinea più volte che il contro è da darsi con mano bilanciata e se i p.o. sono solo 14,  a fianco, come abbiamo detto, deve esserci  una sequenza chiusa per sfondamento di attacco, plusvalore non indifferente se la linea avversaria finisce per giocare a SA. Insisto sul particolare del 15+ p.o. dove il più intende anche una mano nettamente migliore : in pratica quello indicato è il limite basso. Per il limite alto, detratto il valore della mano dell’apertore, può esserci anche tutto il resto del mazzo. Il compagno che non trasforma il contro risponde nel sistema indicato nella tabellina delle risposte. Ma vediamo le varie situazioni.

 

Caso A )

 

Questa situazione è fra le più intelligenti, a mio modestissimo parere , ideate da Mohan. Se Ovest infatti trasforma il contro in punitivo stiamo a vedere le ulteriori decisioni della linea avversaria. Ma se non lo trasforma Ovest dichiara esattamente come se il contro del nostro compagno equivalesse ad una apertura o interferenza di 1 SA , 15 / 17 del nostro compagno. Infatti le nostre risposte saranno :

- 2 ♣                  Stayman ambigua

- 2                   Transfer per le

- 2                   Transfer per le ♠

- 2 ♠                  Transfer per le ♣

- 2 SA                Transfer per le

 

Lo sviluppo seguente è identico a quello che ci sarebbe stato se l’apertura di 1 SA (15 – 17) fosse stata effettuata dal nostro compagno.

 

Caso B )

Vediamo ora cosa succede se Sud dichiara :

Due osservazioni importanti. La prima: il passo di Sud è  Forzante , ma solo su 2 ♣ 2 , ma non anche su  2 e 2 ♠ . Infatti se l’apertore ha 12/14 , il compagno che contra 15+,  il rischio di fare forzante il passo del secondo difensore diventerebbe, se esteso anche ai due nobili, troppo rischioso. Mohan comprende il passo forzante anche se il rispondente su 1SA contrato dichiara 2 . Rischio che molti esperti sconsigliano e noi con loro. E la stessa considerazione vale per la sequenza 1SA- contro 2 ♣ , che vedremo al paragrafo successivo. La distinzione passo forzante sui minori, non forzante sui maggiori  la classica inverted.

La seconda osservazione : in questa sequenza il primo contro  di entrambi i difensori sull’apertura di 1 SA , non è mai punitivo.

 

Caso C )

 

Leggermente diverso dal precedente  se Sud dichiara 2 Fiori nella sequenza

 

 

Caso D )

Se dopo l’apertura di 1 SA di Nord contro di Est e surcontro , SOS,  di Sud , tutte le dichiarazioni della linea Est-Ovest seguono lo stesso iter della dichiarazione naturale come se si giocasse contro 1 SA forte 15 / 17.

Abbiamo esaminato le varie situazioni su intervento di contro del secondo o quarto giocatore di linea Est- Ovest. Vediamo ora le interferenze a colore, che variano dalle varie citate simili convenzioni.

Interferenze a colore del secondo o del quarto difensore

Notiamo – innanzitutto – che le interferenze a colore sul SA debole , salvo diversi accordi di coppia, sono identiche  sia per il primo difensore che, in caso di due passo , per il  secondo difensore. Questo tipo di interferenza, come punteggio, equivale all’interferenza che avremmo fatto sull’apertura di uno a colore dell’avversario.

Usiamo il buon senso e l’osservazione dei colori verde e/o rosso del board.. Sono previste le seguenti dichiarazioni :

- 2 ♣              bicolore maggiore

- 2                  transfer per il 2

- 2                   transfer per il 2 ♠

- 2 ♠                 indica possesso delle ♠ e di un minore

- 2 SA               bicolore minore

Come possiamo notare , utilizzando il contro per le ragioni esposte, manca la dichiarazione diretta della bicolore  / ♣  che comunque si recupera utilizzando il transfer 2 e sulla risposta di 2 per dichiarare, successivamente, con mano buona,  3 ♣ o 3 , quando la mano ha potenzialità per poterlo fare. D’altronde per poter utilizzando il contro secondo convenzione Mohan,  val ben la pena di questo piccolo sacrificio. Vediamo ora lo svolgimento delle varie situazioni.

Leggi anche:

Olimpia non è in Europa
In arrivo “Moleskine from Coverciano”
Sempre e solo canzonette?
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: