Barbara Vellucci – Prossimo obiettivo la 10 km

Le previsioni meteo annunciavano pioggia per domenica 19 e… invece no! Un sole splendente e caldo ha accompagnato tutte noi che abbiamo partecipato ad Avon Running. La mia prima gara ufficiale, un battesimo importante e significativo, per me come per tante altre donne: l’importante era esserci.

Io e la mia compagna di corsa Giusy siamo arrivate al Villaggio in Piazza del Cannone a Milano e abbiamo respirato subito aria di gioia e di festa. Ci siamo divertite ad effettuare il ‘warm up‘ con tutte le altre donne, abbiamo apprezzato immensamente la possibilità di correre nel centro di Milano, abbiamo avvertito l’energia positiva emanata da questo evento.

Non ero allenata per correre 5 km, non ho fatto di corsa tutto il percorso, però alla fine mi sono sorpresa quando ho constatato che avevo fatto quasi 6 km senza neppure rendermene conto! E se con questa edizione ho dato il via all’ampia esperienza personale con le gare, l’obiettivo per l’anno prossimo sarà la gara competitiva di 10 km. Perché nella vita bisogna porsi sempre degli traguardi ulteriori, bisogna migliorarsi.

Ringrazio lo staff di Avon Running e Sportivamente Mag per avermi concesso la preziosa opportunità di vivere questa manifestazione in modo “privilegiato” e speciale. Ringrazio le persone che ho incontrato e conosciuto attraverso Avon Running e faccio un applauso a tutte le donne che hanno capito che sì, è questa la migliore risposta al cancro: vivere la vita al 100%!

——————————————————————————————————————————————————

Barbara Vellucci

Nativa e residente a Formia, nel luglio 2011 ha scoperto di avere un cancro. Da allora non si mai è persa d’animo, nonostante i quattro interventi cui si è sottoposta ha sempre avuto la forza di sormontare le difficoltà. Non semplici, due anni fa nemmeno si reggeva in piedi.

Ora, per testimoniare che si può riemergere ha deciso di partecipare a una celebre non competitiva, l’Avon Running, la Corsa delle Donne. Sarà al via dell’evento milanese di maggio.

Il blog di Barbara

http://lamiavitadopote.blogspot.it

Leggi anche:

Se è tesserato radiatelo subito
L’importanza di chiamarsi Dibiasi
Yashin, il solo degno del Pallone d’oro
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: