Questione di rampe e di azzardi

Parlare di piste nel Freestyle Motocross è probabilmente un azzardo, in realtà tutto ciò che è necessario per scatenare la pazzia degli atleti funamboli è una rampa di lancio e una di atterraggio. Ammetto di aver banalizzato, ma nella maggior parte dei casi la rampa usata per saltare è in metallo, per avere maggior grip in salita, mentre la rampa o il piano di atterraggio sono in terra in modo da ammorbidire per quanto possibile l’impatto dell’atterraggio dopo salti che possono arrivare anche a 18 metri di altezza per quaranta di lunghezza.

Travis Pastrana

Ogni evento, sia o meno inserito in un circuito di gare, propone o una semplice accoppiata delle due rampe o una serie, anche incrociate tra loro, in modo da dare ai piloti diversi spunti per provare a conquistare il voto del pubblico.

Dei circuiti Nazionali ed Internazionali esistenti, merita attenzione per il livello pazzesco raggiunto e per le location incredibili scelte il Red Bull X-Fighters.

L’idea di organizzare eventi all’interno di una città, costruendo da zero arene e tribune coinvolge sempre grandi quantità di pubblico con coperture televisive importanti, tranne che per i palinsesti delle emittenti Italiane, spesso troppo impegnate a trasmettere, come sempre, calcio in ogni salsa!

Tra i piloti che hanno contribuito a far crescere velocemente questo sport possiamo ricordare:

Travis Pastrana: Vincitore di molte gare di Cross negli Stati Uniti nella classe 125, passato alla 250 non ha conquistato molte vittorie, ma è diventato un beniamino del pubblico per lo stile spettacolare con cui affrontava le parti tecniche di ogni pista.

Plurivittorioso nelle prima competizioni di Freestyle inserite nel mega evento di sport “estremi” chiamato X-games è anche il primo ad aver osato e completato un Backflip in gara. Oltre che con le moto Pastrana rischia spesso l’osso del collo cimentandosi in Rally con discreti risultati.

Mike Metzger: ama definirsi “il padrino del Freestyle” inventore di numerosi trick poi riproposti da altri piloti deve la sua fama al grande pubblico per aver saltato, eseguendo un magistrale backflip, niente meno che le fontane di fronte al Caesars Palace di Las Vegas, in diretta Tv sulla ESPN. La sua voglia di strafare e sperimentare lo ha portato a riportare numerose e gravi fratture che negli anni recenti lo hanno tolto praticamente dalla scena attiva di questo sport.

Dany Torres

Tra i piloti emergenti ricordiamo lo spagnolo Dany Torres, vero fenomeno delle ultime edizioni degli X-fighters e il giapponese Eigo Sato recentemente scomparso in seguito ad una rovinosa caduta nell’esecuzione di un Backflip in allenamento.

Le moto utilizzate sono di stretta derivazione dal cross, a scelta dei piloti o leggere 250 due tempi o cattive 450 quattro tempi, particolarmente curate nel reparto sospensioni, vista l’energia che devono assorbire in atterraggio. Unica particolarità che distingue questa specialità è l’aggiunta, a seconda del personale gusto del pilota di maniglie o appigli sia sotto la sella che sul manubrio per afferrare meglio la moto nella fase di volo.

Leggi anche:

1946 La vecchia Balilla di Torriani
Mtb in notturna. E andiamo…
Novara calcio, la crisi come opportunità
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: