Sportivi a rischio controllato

Il cinema si avvale degli stuntmen, atleti particolari che nascono cascatori ma possono incarnare il ruolo di abili piloti, paracadutisti o guerrieri. In ogni caso “il pericolo è davvero il loro mestiere”

La cinematografia, non a caso la settima arte, è il luogo deputato ai sogni, anche i più azzardati, i più pericolosi. Con rischio sempre sotto controllo, come nel caso dello stuntman, una delle figure più affascinanti. Lo stuntman è un uomo che incarna il coraggio, la spericolatezza, la follia calcolata, la professionalità, dotato di eccellente preparazione atletica che rende possibili le scene d’azione che lasciano senza fiato.

Lo stuntman è un attore, ma è anche uno sportivo, un cascatore, un pilota, un paracadutista o un guerriero. In quanto  professionista del pericolo, interpreta le scene più rischiose di un film come controfigura di un altro attore o come protagonista in prima persona.

Quella dello stuntman è una professione particolare, non a caso tramandata di generazione in generazione. Non fa eccezione Claudio Pacifico, figlio d’arte, uno degli stuntmen italiani più noti, chiamato o collaborare con mega-produzioni americane come ‘U-571‘, Gangs of New York‘ di Martin Scorsese, Pirati dei Caraibi‘, ‘Prince of Persia‘, oAngeli e demoni‘.

Ma Pacifico non si è accontentato del suo personale successo, ha deciso di creare una scuola che, aldilà dei figli d’arte, valorizzasse i talenti e desse linfa nuova alla categoria.

La Stunt Concept Academy, la scuola fondata da Pacifico nel 2010, ha sede a Roma ed è una fucina di uomini temprati, pronti a tutto. Nel corso della lunga preparazione gli allievi padroneggiano le tecniche militari, eseguono acrobazie su cavalli in movimento, si destreggiano con il fuoco, lsi lanciano dagli aeroplani con il paracadute, imparano a tirare di scherma. Tutte abilità che serviranno a renderli pronti per qualsiasi scena d’azione essi dovranno affrontare su un vero set.

In Academy il percorso formativo completo può durare dai due ai tre anni. Una professione, quellaa dello stuntman, che non ammette errori e solo la grande preparazione può garantire l’incolumità di chi prende parte a una scena pericolosa.

Leggi anche:

Zeman sì, Zeman no, Zeman forse
Flow, il momento magico di cui disponiamo
Bridge - La caduta dei giganti
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: