Il campo che cambia colore

Anche noi dovremmo perlomeno arrossire scoprendo, grazie al WWF, che ogni quattro minuti in Brasile si disbosca (meglio, si deforesta) l’equivalente della superficie di un campo di calcio

Come segnala www.sporteconomy.it sono molti i sistemi per richiamare l’attenzione sul problema della deforestazione in Brasile. Un buon esempio viene dal filmato del Torneo di calcio internazionale femminile che è stato trasmesso nel dicembre scorso.

Le immagini si riferivano alla partita Brasile-Danimarca, con un effetto sconcertante per gli spettatori: dapprima la sensazione che il campo cambiasse rapidamente di colore, dall’originario verde erba a uno smorto marrone, poi la certezza che lo scenario fosse davvero mutato. E senza ritorno al conforto del verde originario.

In effetti l’espediente serviva a dimostrare che ogni quattro minuti la superficie di un campo di calcio viene disboscata in Amazzonia. Il messaggio è stato rivolto al mondo dal WWF, il Fondo mondiale per la natura, che ne ha fatto una riuscita campagna mediatica.

Di scarsa eco, purtroppo, più perché le campagne sociali cavalcate tramite lo sport sono poco o nulla considerate.

Leggi anche:

Utile un replay, a volte
Un paio di mesi con Gianni Brera
Il calcio irriconoscibile. O no?
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: