La carica dei Cinquantamila

Tanti sono i partecipanti ai Trofei di Milano che si sono avviati giovedì scorso, a beneficio dei ragazzi delle Scuole Secondarie di I° grado e Primarie pubbliche e private di Milano e di Monza

Si è avviato giovedì da Milano il dialogo “Sport e Scuola” per 50.000 studenti. Nobile l’intento visto che si parte dall’idea, mai peregrina, di avvicinare i giovani alla pratica sportiva. Con i presupposti che noi amiamo – rispetto delle regole, dell’avversario, spirito di squadra, disciplina, autocontrollo, lealtà e onestà – e che lo sport dei grandi sembra colpevolmente trascurare.

L’iniziativa si chiama Trofei di Milano 2013 e si concretizza, nelle sue diverse fasi, nelle Scuole Secondarie di I° grado e Primarie pubbliche e private delle Province di Milano e di Monza.

In termini molto pratici si tende a contrastare la sedentarietà e gli stili di vita che induranno patologie più avanti negli anni. Non chiamatela prevenzione, porta male anche solo accennarne ma quella è. Il progetto include attività interscolastiche sportivo-educative che si sviluppano in cinque aree – Sport, Cultura, Educazione, Alimentazione, Salute – per creare modalità relazionali nuove, abitudini diverse, coinvolgendo i giovani e le loro famiglie. Lo sport non può essere soltanto un fattore salutistico, dal momento che è anche un momento aggregativo, formativo e di inclusione sociale.

I Trofei di Milano sono promossi dall’AICS e hanno sin qui, in mezzo secolo di vita, visto l’adesione di 3 milioni di studenti. Per il 2013 si stima che se ne possano aggregare altri 50.000, partecipi di due fasi: quella sportiva e quella formativa. La prima si orienta alle gare di atletica leggera, in primo luogo alle staffette, le cui finali si svolgeranno all’Arena Brera di Milano il 2-3-4 maggio 2013 nel quadro della “Settimana dello Sport e della Salute” che vedrà anche esibizioni di Scuole Calcio FIGC, arti marziali, “Nonni e nipoti in pista”, e una Marcia non-competitiva al parco Sempione, aperta agli studenti e ai loro affetti.

La fase formativa comprende sei attività che vanno da un premio letterario dedicato a Candido Cannavò, a concorsi fotografici e video, da rassegne nutrizionali a intelligenti campagne conto alcool, fumo e doping. La premiazione dei migliori protagonisti e delle Scuole coinciderà con la finale Mondiale dei 14 Festival di “Sport Movies & Tv 2013” in programma a Sant’Ambrogio a Milano.

Leggi anche:

Frammenti di “Lombardia”, per chi non c’era
Non ha mai senso morire di sport
La Liguria ciclo-protagonista
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: