Il ghiaccio riserva sorprese

Ieri sera è cominciata la serie di incontri (al meglio dei 7 incontri) tra Asiago e Valpellice, le due finaliste del campionato maggiore

Avevamo cominciato la stagione hockeistica raccontando tutte le formazioni e indicando un pronostico che si orientava decisamente su Bolzano e Valpusteria. Come possibili sorprese avevamo indicato il Cortina o il Renon. Smentendo tutti i pronostici, il tricolore se lo giocano l’Asiago Migross contro il Valpellice Bulldogs a dimostrazione di un grande equilibrio raggiunto nel campionato italiano che ha premiato due formazioni combattive e determinate, mai distratte da altri impegni internazionali (vedi Bolzano).

La vera sorpresa è il Valpellice, anche se uscito sconfitto ieri dalla Valmora arena di Torre Pellice per 6 a 4. Ai piemontesi di Mike Flanagan va riconosciuto un campionato straordinario, che le formazioni sulla carta più attrezzate non hanno saputo contrastare. Bravi i piemontesi, comunque vada.

Quanto all’Asiago, la grande esperienza dei giocatori gestiti da John Parco ha sicuramente determinato l’accesso alla finale scudetto. Alla luce del primo scontro i favori del pronostico premiano i vicentini, ma nulla si può azzardare visto quanto è accaduto in questi mesi. Per capirci, i tifosi dell’altopiano stanno già facendo gli scongiuri.

Consentiteci un pieno riconoscimento a Michele Strazzabosco che da vero monumento nazionale dell’hockey farà pesare la sua esperienza a favore dei giallorossi di Asiago.

Il 28 marzo in gara 4 potremmo già conoscere il vincitore di questo avvincente torneo di hockey.

Leggi anche:

Medaglia color cattiveria
In notturna, Milano per i bambini
Il rischio sempre in agguato
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: