Ferrari, che vi piaccia o meno

È il marchio più noto al mondo per il 2012 e non lo ha stabilito quel simpaticone di Luca Cordero di Montezemolo ma la classifica di Brand Finance che ogni anno mette in fila la notorietà reale dei vari marchi. Non è il Mercurio d’Oro, per capirci

Cominciamo dal dato che ci piace meno, il compiacimento di Luca Cordero di Montezemolo, che della Ferrari è il presidente: all’annuncio del ranking (lui chiama così le classifiche) che designa il marchio Ferrari quale brand (lui lo chiama così) più noto al mondo per il 2012, ha detto le cose più trite del mondo: “È sempre un piacere essere in vetta ad una classifica e lo è ancora di più quando la concorrenza è rappresentata dalle aziende più note al mondo, a testimonianza che l’Italia, anche in un momento economico così difficile, è in grado di presentare realtà d’eccellenza”.

Poi devono averlo tirato per la giacca e solo allora il Luca nazionale si è ricordato di chi progetta e costruisce le automobili che recano il celeberrimo cavallino rampante. Ascoltiamolo: “Dietro questo riconoscimento ci sono prodotti eccezionali fatti da uomini e donne altrettanto eccezionali: a loro, che lo hanno reso possibile, va il mio ringraziamento”.

Esaurita la piccola polemica con Montezemolo, veniamo al dato che più di ogni altro ci conforta: la graduatoria di Brand Finance, istituzione statunitense senza macchia, ha preso in esame anche per il 2012 la bellezza di 500 marchi in tutto il mondo. E ha decretato che Ferrari è il più noto.

Ferrari ha battuto colossi economici genere Coca-Cola, Google, Hermes. E l’elenco è lungo e contempla marchi che spendono milioni e milioni in pubblicità, vedi Apple e Samsung. Giusto perché lo sappiate i due sono i marchi economicamente più pesanti al mondo: Apple vale 87 miliardi di dollari, mentre Samsung ne vale soltanto 58.

Come Ferrari rafforza la sua notorietà nel corso dell’anno? Impiega la Formula Uno, arrivando anche troppo spesso seconda nel campionato piloti e non vincendo quello costruttori.

Per fortuna, e questo è un ossimoro bello e buono, Ferrari è un marchio tangibile e nel contempo impalpabile.

di SportivamenteMag

Leggi anche:

Sulla rotta dei fenicotteri
Ferrari, né demone né santo
Pedalerai con dolore
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: