Il flow per la corsa

Correre: non “devi”, ma “puoi”

Come psicologa, mi occupo di benessere, tante volte ritenuto un traguardo irraggiungibile in una società che chiede soprattutto risultati. Ma il benessere precede i risultati, li rende possibili.

Può sembrare un termine strano – di sicuro in Italia è ancor poco conosciuto-  ma il concetto di flow - che studio da anni-  può dare risposte importanti. Meglio compreso come stato di grazia, il flow indica una condizione di profondo benessere psicologico in cui mente e corpo lavorano in piena armonia.

È l’engagement dei manager in azienda, il momento magico dei campioni nello sport. È, soprattutto, un attimo di intensa felicità nella vita di tutti i giorni.

La prima domanda, legittima: cosa c’entra il “flow” con la corsa”?

La medicina da anni testimonia i vantaggi della corsa. Sappiamo che aumenta le difese immunitarie, stimola il sistema nervoso e cardiovascolare, é fonte di energia creatrice e vitale. Meno conosciuti i vantaggi sul piano psicologico e nei rapporti con gli altri.

Di sicuro, i nostri studi testimoniano i legami tra il flow e la corsa: una condizione di benessere permette di meglio sfruttare i vantaggi del correre, ma – a sua volta-  la corsa favorisce il benessere.

Vi accompagneremo all’Avon Running: speriamo in un piacevole appuntamento, capace di rispondere alle vostre domande e di regalarvi qualche consiglio.

Partiamo da qui:

  1. Pensate all’Avon Running come a un regalo che vi state facendo
  2. Chiedetevi perché volete esserci
  3. Non improvvisate: la corsa va preparata
  4. Puntate in alto – ma cos’è l’alto per voi ?-  ma sempre con i piedi per terra
  5. Il divertimento è una conquista: divertirsi è l’unico impegno

 

—————————————————————————————————————————————————-

MARISA MUZIO
In gioventù nazionale di nuoto, psicologa, affianca all’insegnamento e alla ricerca universitaria l’attività professionale nell’ambito della psicologia dello sport e delle organizzazioni. Ha ideato e coordinato con Sandro Gamba, dal 1996 al 2011, il primo Master in Italia in Psicologia dello Sport. Trasla le esperienze dello sport di alto livello alla realtà aziendale, dando vita allo Sport Outdoor Training® e al Coaching by Action®. Mental Trainer di squadre nazionali e di atleti di alto livello, è nominata “Psicologa dell’anno 2008” . È Project Leader di Flow For Excellence, un movimento culturale e professionale orientato alla promozione di benessere e prestazioni eccellenti nello sport e nel business.
Vedi il sito www.marisamuzio.it

LUCA ARGENTON
Psicologo, è dottorando di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Milano-Bicocca, dove collabora con il “Centro Studi per le Scienze della Comunicazione” (CESCOM). Svolge attività di ricerca, formazione e consulenza in ambito aziendale e sportivo. È Project Leader, insieme a Marisa Muzio, di Flow For Excellence, un movimento culturale e professionale orientato alla promozione di benessere e prestazioni eccellenti nello sport e nel business.

Leggi anche:

Che la rivoluzione abbia inizio
Volandri, Master dei Challenger
Quando Mussolini giocava centravanti
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: