Correre nelle bellezze dell’Unesco

Un triangolo dei luoghi del Nord Est italiano cari all’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, sarà teatro il 1° aprile della prima edizione di una Maratona destinata a colpire l’immaginario collettivo

Nessuno se ne risenta, soprattutto chi vive e opera nelle città d’arte – in Italia sono una moltitudine, da Roma a Venezia a Firenze a Napoli – in cui da molti anni si corre una maratona, ma gli organizzatori della Unesco Cities Marathon hanno avuto una buona idea dando vita a una 42 km e spiccioli (195 metri) che si rifà ad alcuni luoghi del Nord Est italiano che l’Unesco ha consacrato a Patrimonio dell’Umanità.

Tutto questo nella regione di Pier Paolo Pasolini e Italo Svevo, dove s’incontrano spiagge dorate e scogliere spettacolari, suggestive montagne e celebrate prelibatezze enologiche e gastronomiche, che Ippolito Nievo ha definito, con impagabile sintesi, “piccolo compendio dell’universo”.

S’inaugura il prossimo 1° aprile un evento che coniuga lo sport dei faticatori intelligenti con i luoghi della cultura e della storia interpretati da due siti già inseriti in un elenco prestigioso e un terzo che è candidato a entrarvi. Non a caso 42.195 sono i metri che separano Aquileia, città romana capitale dell’omonimo patriarcato, da Palmanova, città fortezza veneziana del 1500 e Cividale, antica capitale longobarda. La prova sarà valida come Campionato italiano e Tricolore Master.

Scorrevole e veloce, il percorso parte dal centro di Aquileia, a due passi dalla basilica e dalla laguna di Grado, quindi procede verso la città fortificata di Palmanova, per continuare poi verso nord in direzione di Cividale, dove è previsto l’arrivo e dove si disputerà anche la Forum Iulii Run. Quest’ultima è una prova non competitiva. È prevista nello stesso giorno anche una Staffetta a due frazioni, rispettivamente di 16.500 e 25.695 metri.

Un primo interprete di gran livello è già col pettorale quasi indosso. Ci riferiamo a Ruggero Pertile, quest’anno già vincitore della Maratonina delle 2 Perle e accreditato di un ottimo 2h 9’ 53” in maratona. Decimo nella prova olimpica di Londra 2012, attualmente in Kenia per un’intensa sessione di allenamento, Pertile ha accettato l’invito del comitato organizzatore della manifestazione con l’obiettivo di rivincere il Campionato Italiano, già conquistato nel 2006.

Leggi anche:

Tifo tossico, medicine introvabili
Uno sguardo al baseball con... Marco Mazzieri
Elisa in riposo forzato
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: