34.308, una marea di maratoneti

Cifra importante, certificata dalla rivista CORRERE che ogni anno la compila con un imponente supplemento, allegato al numero di febbraio, in edicola: 34.308 sono gli italiani che lo scorso anno hanno portato a termine almeno una maratona, concludendo i canonici 42 km e 195 metri.

La cosa curiosa è che non si tratta di un record, 34.308 maratoneti è la seconda adesione di sempre alla specialità: rispetto al 2011 si registra un calo di presenze. Allora si sfiorarono le 36mila unità (per la precisione 35.922).

Dei 1.614 runners che mancano all’appello buona parte sono gli “orfani di New York”, quelli che non hanno potuto partecipare alla N.Y. City Marathon, annullata dal Road Runners Club a meno di due giorni dal via. Non pochi, e questo non deve stupire, vivono la maratona in funzione di New York, si dedicano solo all’appuntamento più celebrato delle corse di lunga lena.

Nel dettaglio delle cifre, opportunamente selezionate, si scopre che le signore della maratona sono 4.402, vale a dire il 12,8% del totale, in calo del 4,6% rispetto al 2011 (erano 4.683) . I loro tempi vanno dal 2:23’44” di Valeria Straneo, nuovo primato italiano stabilito a Rotterdam il 15 aprile, all’ 8:37’49” con cui la signora Angela Tamossi ha tagliato il traguardo di Honolulu.

Gli uomini sono 29.906 contro i 31.239 del 2011, con una flessione del 4,2%. La migliore performance è di Ruggero Pertile (2:10’06” ottenuto a Otsu, Giappone, il 4 marzo), la più serafica è del signor Felice Fabbri, che sempre a Honolulu ha fermato il cronometro sull’8:37’46”. Va detto che le Hawai distraggono non poco i maratoneti vicini al tempo massimo.

Quanto alla maratona straniera più gettonata dagli italiani, guida Berlino, nel 2012 portata a termine da 1.237 connazionali. Sul territorio italiano largamente prediletta è

Roma con 12.685 concorrenti al traguardo nel 2012, 7.237 italiani. Seguono Firenze con 7.771 finishers, di cui 5.947 connazionali, e Venezia con 5.931 (4.541 gli italiani).

La Maratona di Roma è 18ª nella graduatoria mondiale per numero di atleti al traguardo, classifica guidata largamente da Londra con i suoi 39.429 finishers, davanti a Chicago 33.745 e Berlino, 33.435. Come detto, manca New York per colpa dell’uragano.

 

di Gianni Poli

Leggi anche:

Se non ora, quando?
Sandrino, come lui oggi nessuno
Il Pallone d'oro andrà a Neuer
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Commenta: